Il nostro contributo “con le mani nella terra”

di Maria Anastasia Chieruzzi,

Sky Responsible Business

In Sky crediamo da sempre nell’impatto positivo che le nostre attività possono avere sulle comunità che ci ospitano e sui territori in cui operiamo. Siamo convinti che un business migliore contribuisca a creare un futuro migliore. Per questo ci impegniamo a lavorare in modo responsabile, con l’ambizione di raggiungere i più elevati standard di sostenibilità, e usiamo la nostra voce per ispirare le persone a fare la differenza, contribuendo a promuovere il cambiamento.

Si tratta di una responsabilità che va oltre il business, e che ci spinge ad essere in prima linea nell’affrontare le problematiche del nostro Pianeta. Nel 2006 siamo stati la prima media company al mondo a diventare carbon neutral e dal 2017 ci siamo impegnati nella salvaguardia degli oceani con la campagna Sky Ocean Rescue, diventando testimoni del problema della plastica nei nostri mari.

Oggi con la campagna Sky Zero, lanciata nel 2020 per sostenere e promuovere il contrasto all’emergenza climatica, ci stiamo spingendo oltre, riducendo entro il 2030 di almeno il 50% le emissioni generate su tutta la nostra linea di business, piantando alberi, mangrovie e altre specie vegetali marine per compensare il resto delle emissioni che per ora non si è in grado di eliminare, dando l’esempio e ponendoci obiettivi ambiziosi per promuovere il cambiamento.


La tutela dell’ambiente non
è il solo pillar su cui poggia
la strategia di sostenibilità di
Sky. Il gruppo Sky si è infatti
recentemente impegnato a
contrastare il divario digitale e a
sviluppare le competenze digitali
di 250 mila persone attraverso
lo stanziamento di un fondo
da 10 milioni di sterline contro
l’esclusione digitale.

Oggi più che mai la salvaguardia dell’ambiente e la valorizzazione del territorio richiedono il contributo di tutti. Per questo lavoriamo sempre per dar vita a progetti in grado di generare valore sociale e un impatto positivo.

Grazie a collaborazioni con diverse organizzazioni no profit locali, ci impegniamo a dare il nostro contributo lavorando al loro fianco, aiutandole nello svolgimento di attività pratiche e partecipando attivamente alla vita delle comunità.

Proprio attraverso il progetto di volontariato aziendale Sky Cares, che offre alle persone Sky l’opportunità di impegnarsi nel sociale, vogliamo dare un contributo concreto alle comunità del territorio.

Non appena è stato possibile riprendere le attività in pre- senza, si è svolta la nostra prima grande attività di volontariato aziendale legata alla salvaguardia dell’ambiente e alla riduzione delle emissioni di CO2, in collaborazione con AzzeroCO2, per ripopolare di alberi Parco Porto di Mare e Casa Chiaravalle a Milano.

Nell’ambito di Mosaico Verde, la campagna nazionale ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente, con il patrocinio delle più importanti Istituzioni e Associazioni nazionali, abbiamo realizzato un progetto di forestazione per 1000 alberi in prossimità della nostra sede milanese. Protagonisti dell’attività 100 persone di Sky che si sono occupate personalmente della messa a dimora delle prime piante.

L’iniziativa è parte del progetto «ForestaMi» e vuole a dare un contributo alla riqualificazione di due zone della città, già al centro delle attività di intervento di Italia Nostra e il suo Centro Forestazione Urbana: parco Porto di Mare, a Rogoredo, e Casa Chiaravalle, la più grande area in Lombardia requisita alla criminalità organizzata.

Partecipare attivamente a iniziative come questa, nel rispetto dei criteri di biodiversità e tutela del paesaggio, ci permette di essere parte attiva del cambiamento e di accrescere la consapevolezza delle nostre persone su questi temi.

Lo percepiamo nelle parole dei colleghi Sky che si sono messi a disposizione con le mani nella terra: “Credo che iniziative come questa siano la strada giusta per far sì che il cambiamento, che tutti desideriamo per le nostre città, avvenga e parta proprio dai piccoli gesti di tante persone”. Sull’onda anche dell’entusiasmo generato dall’attività di piantumazione, abbiamo rinnovato il nostro impegno, nei confronti di quello che orami possiamo considerare il nostro “giardino”, anche in occasione dell’Earth Day 2022 con una ulteriore attività di volontariato: “Clean Up Parco Porto di Mare”.

Si tratta di un’iniziativa, in collaborazione con Italia Nostra, per sensibilizzare le persone sui temi ambientali, in particolare sulla tutela delle aree verdi della città di Milano. Per questo ci siamo impegnati nella pulizia di parte del parco Porto di Mare che sarà destinata alla realizzazione di una pista ciclabile.

La tutela dell’ambiente non è il solo pillar su cui poggia la strategia di sostenibilità di Sky. Il gruppo Sky si è infatti recentemente impegnato a contrastare il divario digitale e a sviluppare le competenze digitali di 250 mila persone attraverso lo stanziamento di un fondo da 10 milioni di sterline contro l’esclusione digitale.

Il programma ‘Sky Up’ si prefigge l’obiettivo ambizioso di migliorare le competenze degli emarginati digitali con dif- ficoltà di accesso a tecnologia, connessione Internet e formazione. Perché da sempre crediamo in un mondo migliore e il nostro impegno continua.

Il modello di inclusione di Crédit Agricole Italia a vantaggio dei territori

a cura della Redazione

Città inclusive che possano garantire un giusto equilibrio dei tempi, valorizzando le passioni e le esigenze di tutti. Un obiettivo sfidante che di certo coinvolge le amministrazioni ma che è sempre di più condiviso dalle aziende.

Ne è un esempio il Gruppo Crédit Agricole in Italia, player bancario che opera nel nostro Paese da oltre 40 anni, al servizio di 5,2 milioni di clienti, con 1.600 punti vendita e oltre 17.300 collaboratori e che fa dell’inclusione e della sostenibilità i principi cardine del suo agire quotidiano.

Molte, ad esempio, le iniziative di inclusione promosse dal Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia che di recente ha confermato la sua sensibilità per i temi di D&I associandosi alla Onlus “Parks – Liberi e Uguali” che promuove il valore della diversità con focus specifico sull’orientamento sessuale e l’identità di genere. Da tempo inoltre Crédit Agricole Italia ha attivato al suo interno un Programma di Gender Inclusion, Change Management e Work-Life Balance, con particolare attenzione al rispetto di tutte le diversità e al supporto alla genitorialità e ai caregivers, sono alcuni dei punti cardine del programma, oltre ad azioni dedicate all’Equity & Value per assicurare alle donne in azienda pari opportunità sul piano retributivo e di ruolo riducendo progressivamente il Gender Pay Gap e promuovendo nuovi Role Model Femminili.

Il programma prevede anche percorsi formativi ad hoc e di sviluppo per promuovere la parità di genere valorizzando e promuovendo le potenzialità e competenze femminili in azienda.

Linee di condotta che ricadono sui territori di presenza del Gruppo grazie ad azioni concrete volte a supportare il valore dell’inclusione all’interno delle comunità.

In collaborazione con Save the Children, Crédit Agricole Italia, insieme alle società del Gruppo attive nel nostro Paese, sostiene l’iniziativa “Connessioni Digitali” per contrastare la povertà educativa dei più giovani, migliorandone le competenze digitali e mettendo a loro disposizione spazi di supporto e strumenti avanzati. Sulla stessa linea il Gruppo promuove, in collaborazione con ELIS, il Progetto Scuole, un programma di Inclusione Sociale biennale che copre da nord a sud tutto lo stivale per un totale di 26 classi di scuole superiori in 13 città, coinvolgendo oltre 1.900 studenti dai 16 ai 19 anni.

Un impegno importante al quale si affiancano le iniziative promosse attraverso Crowd For Life (www.ca-crowdforlife.it), il portale di crowdfunding del Gruppo che, nello scorso 2021, ha attivato la call “Crédit Agricole For Future”, finalizzata a sostenere progetti a favore di educazione, inclusione e riduzione delle diseguaglianze permettendo ad 11 realtà territoriali di attivare una raccolta fondi il cui risultato finale è stato raddop- piato delle donazioni del Gruppo Crédit Agricole in Italia.

In partnership con Legambiente, inoltre, il Gruppo promuove due progetti destinati a potenziare l’inclusività dei propri territori. Il primo, Volontari di Valore, è un progetto di volontariato aziendale che coinvolge i colleghi nella tutela e nel ripristino di parchi, spiagge, centri storici e spazi pubblici delle città italiane. L’iniziativa, nel 2021, ha coinvolto ben 10 città: Milano, Firenze, Brescia, Torino, Parma, Napoli, Genova, Catania, Venezia e Sernio (Sondrio). Il secondo progetto è New Life e sviluppa l’economia circolare quale strumento chiave per rispondere ai nuovi bisogni sociali emersi a seguito dell’emergenza pandemica.


Inclusione a 360° con programmi manageriali, crowdfunding, iniziative concrete sui territori un headquarter sostenibile con vantaggi per tutta la comunità


Il tema dell’economia circolare è caro a Crédit Agricole e promosso anche a Nord Est, dove il Gruppo Bancario opera attraverso Crédit Agricole FriulAdria al fianco di Cirqular, iniziativa ideata dalla cooperativa veronese di moda etica Quid - laboratorio sartoriale che occupa donne in condizioni di svantaggio o fragilità - utilizzando tessuti di fine serie, stock invenduti o donati da aziende tessili e da brand della moda internazionale.

Sostenere le realtà locali che promuovo l’inclusione con iniziative concrete è quindi una mission per Il Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia che a Padova, tra le tante iniziative, ha affiancato grazie a Crédit Agricole FriulAdria anche l’avvio di un bistrot inclusivo a cura della Cooperativa Sociale Giovani e Amici impegnata nell’ambito della disabilità e promosso l’acquisto di panettoni solidali per i dipendenti, prodotti dalla Pasticceria Giotto, cooperativa sociale che opera all’interno della Casa di Reclusione Due Palazzi offrendo ai detenuti un’opportunità di riscatto personale e di reinserimento sociale attraverso l’apprendimento di un mestiere.

Ma è a Parma che la filosofia inclusiva del gruppo diventa ancora più tangibile. Qui, nel 2018, sono stati inaugurati i nuovi edifici di Crédit Agricole Green Life. Sede di lavoro per circa 1600 persone, l’headquarter è parte integrante di una strategia aziendale fondata su tre pilastri: transizione energetica e protezione dell’ambiente, sostegno alle economie locali, inclusione e conciliazione.

Un asilo nido con parte dei posti a disposizione delle famiglie provenienti dalle graduatorie comunali, un parco di 70 mila metri quadrati con ben 700 piante che rappresenta un vero polmone verde nella prima periferia di Parma, colonnine Leasys per la ricarica dei veicoli elettrici, postazioni di bike sharing in prossimità della Sede e rinnovate piste ciclabili che ne circondano il perimetro e lo collegano al centro sono alcuni dei vantaggi più diretti per il territorio generati dall’investimento del Gruppo, gli ultimi due resi possibili dall’Amministrazione Comunale grazie al dialogo e alla consolidata collaborazione tra Crédit Agricole Italia e Comune di Parma.

I nuovi edifici, 12mila metri quadri complessivi distribuiti su più livelli per minimizzare la superficie edificata, sono completamente sostenibili, immersi nel verde e dotati delle più moderne tecnologie con vantaggi sensibili per chi vi lavora, con postazioni di lavoro disposte in open space multifunzionali e wireless anche nel parco per poter lavorare all’aperto.

Ma è nel suo essere hub di comportamenti virtuosi che Crédit Agricole Green Life esprime la sua natura inclusiva, promuovendo nuove filosofie di lavoro e offrendo servizi di worklife balance ai colleghi che qui vengono sperimentate per poi essere diffuse anche alle altre sedi del gruppo, proprio come nel caso della Lavanderia Solidale, servizio ormai attivo anche nelle Sedi Crédit Agricole Italia di Milano e Piacenza che, non solo aiuta la conciliazione dei tempi casa-lavoro, ma permette anche l’assunzione di persone con disabilità che sono coinvolte in percorsi di orientamento al lavoro grazie alla partnership con la cooperativa sociale Bi-ricc@ e all’Agenzia Regionale per il Lavoro.

Giovani di Palermo sognano insieme (e costruiscono) il proprio futuro

a cura della Redazione

Il sogno è la porta della realizzazione. Immaginare insieme ad altri, sin da bambini, vuol dire iniziare a costruire, giorno dopo giorno, nuove possibilità. Nasce dal sogno di una società più cooperativa “Traiettorie urbane”, il nuovo progetto promosso da Edison, con la Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale e l’impresa sociale Con i Bambini che aiuta gli adolescenti di Palermo a costruire il loro futuro, rafforzando l’offerta sportiva e culturale rivolta a ragazzi e ragazze di età compresa tra gli 11 e i 17 anni e alle loro famiglie che vivono in sei quartieri della città.

“Questo è il progetto bandiera della Fondazione – racconta Francesca Magliulo, direttrice – Al momento della nostra nascita, a gennaio 2021, ci siamo chiesti chi fossimo e come volevamo operare nella società. Dopo un anno di riflessioni è nato Traiettorie urbane. Questo progetto è ciò che siamo”. Coprogettare è il mantra di Fondazione Eos, segno di una volontà di fare e lavoro sul territorio, con le persone, le associazioni, le istituzioni. “Non voglia- mo essere una semplice fondazione erogativa – continua Magliulo - Per noi è importante agire e riunione più associazioni e istituzioni sul medesimo tavolo di lavoro. Vogliamo creare un sistemare per raggiungere un comune obiettivo”. Progettare insieme per crescere insieme. “Trattorie urbane” vuole stimolare negli adolescenti consapevolezza e capacità di immaginare e costruirsi un futuro. È significativo farlo in Italia, un Paese che è caratterizzato da uno dei maggiori tassi in Europa di ragazzi che non studiano, non lavorano e non cercano un impiego – i cd NEET che sono il 25% delle persone tra i 15 e 19 anni, dove la povertà educativa e sociale è in aumento, soprattutto per i nuclei a basso reddito e nel Sud Italia, dove nel 2021 l’abbandono scolastico si è registrato tra il 13,5% tra i 18 e 24 anni. Qui, anche a causa della pandemia da coronavirus, negli ultimi due anni si sono aggravate le condizioni psico-sociali dei più giovani con un incremento di atti di autolesionismo, ansia, insonnia e depressione.

I bambini e i ragazzi fanno fatica a sognare: vivono in un contesto creato da noi adulti, in cui il domani è sempre più incerto: dai cambiamenti climatici alla pandemia dove li abbiamo privati di tutto quello di cui avevano bisogno, chiudendoli a singhiozzo e la guerra. “Non sognare significa rinunciare a un futuro e a costruirlo, rinunciare ad avere aspirazioni. Il danno lo vedremo tra qualche anno e sarà molto pesante”.

“I ragazzi e le ragazze hanno bisogno di reimparare a sognare e di farlo insieme, con i coetanei e con gli adulti”, commenta Francesca Magliulo. Le attività serviranno a pre- parare i ragazzi ad affrontare la complessità, a scegliere con maggior consapevolezza il proprio percorso di studi e di vita, oltre gli stereotipi e i limiti autoimposti o imposti dal contesto. “Rendere partecipi i ragazzi, non solo ascoltarli, aiutarli a sviluppare la capacità di guardare al futuro ma anche di leggere il presente in modo critico e autonomo, trovare soluzioni condivise per sé e la comunità, costruire relazioni sane tra pari e tra adulti”.


“Vogliamo promuovere la crescita sociale dei ragazzi e delle ragazze di Palermo, abbattendo le barriere fisiche e sociali della città per renderli protagonisti nel disegno delle loro “traiettorie di vita”.


Un intento che unisce le energie di associazioni locali attive da tempo, con la prospettiva di costruire un percorso di evoluzione della comunità attraverso lo scambio di competenze, il potenziamento dei centri di aggregazione e il rafforzamento della rete con benefici duraturi per le nuove generazioni e più in generale per la comunità locale.

Perché Palermo?

“Edison ha una forte presenza in Sicilia, per numero di clienti, per lo sviluppo di nuove attività industriali, di impianti rinnovabili. In questa terra i tassi di abbandono scolasti- co raddoppiano la media nazionale”, spiega la direttrice di Fondazione EOS. “Ma c’è anche un altro volto della Sicilia: qui abbiamo trovato un numeroso gruppo di associazioni attive che sanno fare rete”. Ora a Danisinni, nella Zisa, a Noce, a Kalsa, a Sant’Erasmo a Romagnolo, quartieri di Palermo, si respira una positiva aria dal profumo possibilità. La presentazione del progetto è avvenuta il 7 aprile all’Ecomuseo Mare Memoria Viva a Palermo alla presenza, tra gli altri, di Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, Nicola Monti, presidente della Fondazione EOS e amministratore delegato di Edison Spa, Francesca Magliulo, direttrice della Fondazione EOS. L’incontro, patrocinato da ASVIS, è stato preceduto da un “attraversamento” dei quartieri della città guidato dai ragazzi del Liceo Statale “G. A. De Cosmi”: una “passeggiata urbana” che ha preso le mosse da Piazza Magione e che ha condotto alla scoperta dei luoghi e delle realtà del terzo settore protagoniste di Traiettorie Urbane fino all’arrivo all’Ecomuseo Mare Memoria Viva, con cui è stato dato simbolicamente avvio a quello che sarà un lungo percorso di abbattimento delle barriere e di riappropriazione degli spazi pubblici dei quartieri.
L’iniziativa “Traiettorie urbane” è sostenuta dalla Fondazione EOS con un contributo di 850 mila euro, in cofinanzia- mento con l’impresa sociale Con i Bambini, nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, per un valore complessivo di circa 1,7 milioni di euro.

«Per Edison ‘fare impresa’ vuol dire agire con responsabilità nell’interesse dei territori in cui è presente con le sue attività» - ha commentato Nicola Monti, amministratore delegato Edison e presidente della Fondazione EOS. «A un anno dalla nascita della Fondazione EOS rafforziamo concretamente il nostro ruolo abilitatore del cambiamento verso un modello di sviluppo sostenibile, dove le nostre persone contribuiscono con la propria competenza e il proprio impegno all’innovazione sociale della comunità».

L’avvio del progetto nei quartieri storici della città rappresenta un’importante occasione per Palermo. Per Marco Rossi-Doria, presidente dell’impresa sociale Con i Bambini, è «una promessa: insieme ci impegniamo a lavorare sull’in- novazione in territori difficili per quella che è un’iniziativa dello sviluppo integrato educativo locale. L’obiettivo è rendere concreta la partecipazione e il protagonismo delle famiglie e dei bambini nelle città del Sud a partire da Palermo, andando ad agire tra le attività svolte a scuola e fuori dalla scuola, rigenerando le azioni sulla memoria collettiva e impegnan- dosi sulla narrazione e sul protagonismo dei ragazzi». Attraverso Traiettorie urbane, la Fondazione EOS e Con i Bambini si impegnano per i prossimi tre anni, anche grazie al supporto di attori locali - tra cui storici Enti del Terzo Settore radicati sul territorio e l’Ufficio comunale del Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza -, a implementare una serie di iniziative in ambito sportivo e culturale che consentiranno ai più giovani di rafforzare il loro senso di appartenenza al territorio e di favorire il loro spirito di socialità attraverso la trasmissione di valori quali la solidarietà, il lavoro di squadra, il contrasto alla prevaricazione e l’individualismo. Tra le attività, che saranno svolte nel triennio, i laboratori per la creazione di film collettivi che raccontano la vita nei quartieri e di guide rivolte ai professionisti del cinema sulle potenziali location cinematografiche dei quartieri; le escursioni nelle aree naturalistiche urbane alla scoperta di percorsi inediti per i quali i partecipanti prepareranno una nuova segnaletica; la realizzazione di rassegne culturali ideate dai ragazzi e rivolte a un pubblico di giovani; la creazione di nuovi campi da gioco, anche smontabili e itineranti, per valorizzare nuovi spazi di aggregazione.

Quale nuova strada all’orizzonte per Fondazione EOS?

“L’obiettivo è la replicabilità”, conclude Francesca Magliulo “vogliamo portare il modello cooperativo di Trattorie urbane in altri territori, soprattutto del sud Italia, adattandolo in base alle caratteristiche di ciascuna comunità. Le attività previste dal progetto sono molto interessanti ma il vero valore è la connessione tra tanti quartieri e aree urbane, tra piccole e meno piccole associazioni, è il fare sistema per un obiettivo comune, di lungo termine, che non rimanga solo una buona pratica con una diffusione a macchia di leopardo”.

di Simona Piva

Quando penso a una città inclusiva, la mente corre immediatamente verso la mia città di origine, Bologna: città universitaria per eccellenza, città famosa per l’accoglienza e la buona cucina, città abituata a essere un crocevia di persone provenienti da ogni parte d’Italia, da ogni parte d’Europa, da ogni parte del mondo. Una città che non ha mai chiuso la porta in faccia a nessuno e che accoglie, ogni giorno, le persone con un sorriso.

Vi consiglio di vedere su YouTube il video “E tu, che faccia hai?” di Luce Narrante, uno sguardo ironico e leggero sul tema del razzismo. Uno stimolo alla riflessione, al porsi almeno una volta una domanda semplice quanto complessa: cosa sono i confini? Un video in cui ragazzi nati in Italia da genitori provenienti dalle più svariate nazioni, rispondono alle domande dello speaker e la risposta è una sola: non esistono differenze. Questa è la mia Bologna. Quando penso invece alla mia città di adozione, Firenze, alla città in cui ha sede l’azienda per cui lavoro, la mente corre inevitabilmente verso lo Spazio Alfieri, un piccolo cinema teatro che è diventato, quasi per caso, il luogo simbolo dei nostri incontri sulla D&I. Il servizio di ristorazione del Teatro Alfieri è gestito da una cooperativa sociale di ragazzi con disabilità psichiche, I ragazzi di sipario, nata per iniziativa di alcuni genitori che hanno voluto dare un efficacissimo supporto al futuro dei loro figli. L’obiettivo dell’Associazione Sipario è quella di creare una reale e concreta opportunità di lavoro a persone con disabilità intellettiva o in situazione di fragilità, favorirne l’integrazione e l’inclusione sociale attraverso il lavoro e la gestione in forma associata dell’impresa e, così facendo, contribuire al benessere dell’intera collettività, sostenendo i valori di promozione umana e integrazione sociale dei cittadini; questi ragazzi, se sostenuti, stimolati e valorizzati, sono in grado di mostrare, infatti, un potenziale che altrimenti rimarrebbe sopito. Così facendo, si legge nel loro sito, vorremo riuscire a:

Promuovere la pari dignità del lavoro svolto da persone con disabilità intellettiva, garantendo qualità, competenza ed efficienza Promuovere il potenziale individuale e sociale delle persone con disabilità intellettiva, favorire in particolare l’integrazione sociale con il lavoro, attraverso la valorizzazione e la partecipazione diretta delle persone stesse e/o delle loro famiglie, dove presenti, e il coinvolgimento dei diversi portatori di interesse del territorio.

Promuovere e attuare politiche di economia etica ovvero valorizzare, attraverso gli strumenti economici, finanziari e imprenditoriali, la dimensione solidaristica e mutualistica che fa della cooperazione sociale “il valore aggiunto del suo essere impresa al servizio della comunità”

Promuovere, avviare e sostenere proposte di tipo civile, formativo e culturale per lo sviluppo e l’approfondimento di tematiche e problematiche sociali, come l’inserimento lavorativo di persone con disabilità intellettiva

Si tratta di un progetto lodevole e ambizioso che unisce solidarietà e cooperazione.


Come mi sarei dovuta comportare? Che cosa avrei dovuto fare o dire?

Dubbi dissolti come una bolla di sapone una volta arrivata sul posto: “la diversa” ero io! Io con i miei timori, io con i miei infondati conflitti interiori ...sono loro, i meravigliosi ragazzi di Sipario,

che mi hanno accolta nel loro mondo con il sorriso, con la loro disarmante semplicità, con il loro fiume di parole...

...faremo della nostra nuova visione della vita una utopia possibile, perché noi ragazzi di Sipario abbiamo un sogno, sogniamo ...un mondo di uomini e donne animati da speranza e fiducia nel futuro, con la volontà di fare ciascuno la propria parte per costruirne un pezzo, mettendosi insieme e collegandosi tra loro con intenzionalità e progettualità... una comunità capace di adoperarsi per un mondo migliore... un mondo dove uomini e donne, con le loro fragilità e risorse, lavorino insieme in spirito di servizio per la costruzione del bene comune, un mondo in cui le diversità siano conosciute, accolte, valorizzate e rispettate.


Ricorderò sempre la prima volta in cui sono entrata allo Spazio Alfieri: dovevo incontrare il referente, il Sig. Marco, il fantastico papà di uno dei ragazzi della Cooperativa, per definire il menù per un evento serale dedicato alla disabilità. Ricordo ancora i miei dubbi, i miei timori: come mi sarei dovuta comportare? Che cosa avrei dovuto fare o dire? Dubbi dissolti come una bolla di sapone una volta arrivata sul posto: “la diversa” ero io! Io con i miei timori, io con i miei infondati conflitti interiori ...sono loro, i meravigliosi ragazzi di Sipario, che mi hanno accolta nel loro mondo con il sorriso, con la loro disarmante semplicità, con il loro fiume di parole... da quel giorno quel piccolissimo teatro nel cuore di Firenze è diventato il nostro luogo del sorriso, il nostro luogo dell’accoglienza, il nostro simbolo dell’inclusione. Purtroppo la pandemia non ha risparmiato nemmeno i Ragaz-zi di Sipario: la chiusura prolungata dei servizi di ristorazione ha messo a dura prova le loro risorse e li ha costretti a un lungo periodo di inattività. E’ per questo motivo che abbiamo risposto con grande entusiasmo alla loro richiesta di aiuto: donazione di pc, smartphone e di altro materiale informatico che potesse permettere loro di mantenersi in contatto e soprattutto di restare attivi e aggiornati duranti i mesi di chiu- sura; corso HACCP.... è stato entusiasmante ed emozionante vedere questi ragazzi seguire con grande impegno e volontà il percorso, sotto la guida di una bravissima e coinvolgente docente, che li ha accompagnati per mano fino al test finale e al conseguimento della certificazione, un’altra tappa fon- damentale per il loro processo di responsabilizzazione e di autonomia. E siamo già all’opera per aggiungere un ulteriore tassello: un corso di educazione finanziaria, organizzato con il supporto dei colleghi, per fornire ai ragazzi gli strumenti per comprendere il corretto uso del denaro, competenza fondamentale per la loro attività commerciale.

E, soprattutto, non vediamo l’ora di poter organizzare nuovamente i nostri eventi insieme a questi meravigliosi ragazzi, ormai diventati parte integrante della grande famiglia di Findomestic. Un grazie immenso ai genitori, in primis al Signor Marco, che sostengono e stimolano i loro figli a fare sempre meglio per essere autonomi e acquisire le competenze necessarie; un grazie ai meravigliosi Ragazzi di Sipario che ci hanno donato una grande opportunità: entrare nel loro mondo, un mondo fatto di semplicità, sorrisi, spontaneità... un percorso che ci ha permesso di abbattere tanti muri. Grazie di cuore ragazzi!

Simona Piva

diversity & people care officer presso Findomestic HR project manager

Arianna Conca, Diversity&Inclusion and Wellbeing Manager del Gruppo Chiesi, ci racconta il ruolo del People Care in azienda

a cura della Redazione

Cari lettori, care lettrici,
vi invitiamo a passeggiare metaforicamente in questa città del benessere, dove ogni persona ha un ruolo fondamentale nel creare equilibrio e nel contribuire a un ambiente positivo. Fuor di metafora, quanto detto rappresenta il cuore del People Care in Chiesi”: prenderci cura di noi stessi e delle persone che lavorano con noi.

Con qualche sfida, naturalmente: come possiamo puntare al benessere del nostro Gruppo, caratterizzato da stili diversi e fasi della vita così variegate? E se aggiungiamo il fatto di essere dislocati, come azienda, in più punti geograficamente, lo scenario diventa ancora più complesso e stratificato, ma allo stesso tempo affascinante.

Vogliamo chiederci allora che ruolo abbia l’apparato del ’People Care’ in un momento in cui i confini tra lavoro e sfera privata rischiano di sovrapporsi.

Come possiamo offrire benessere in un momento in cui ‘fuori’ dalle città c’è tanta eterogeneità? Siamo davanti a un qualcosa che è presente ‘dentro’ le nostre esistenze e, prendere atto della difficoltà di conciliare gli impegni privati con i workloads.


Stare bene è alla base della performance.

Stare bene è una responsabilità di ogni persona verso se stessa, dell’impresa, del comparto manageriale, di ciascuna realtà con il proprio ruolo chiave nel creare un ambiente di fiducia e di serenità, condizioni necessarie per la salute mentale nel quotidiano.


Il benessere è un obiettivo strategico per Chiesi, che ha deciso di promuovere una strategia globale che esplicita i principi utili a porre il well-being al centro di ciò che facciamo.

Come specifica la nostra linea guida si tratta, nella fattispecie, “dell’impegno di creare un ambiente di lavoro, e un modo di lavorare, caratterizzato da positività, fiducia e benessere, basato sull’armonia tra lavoro e vita personale, e dove tutte le persone si sentano a proprio agio nell’esprimere se stessi e i propri talenti dando il meglio.”

Secondo tale approccio, gli stessi programmi di “people-care” rappresentano un tocco di generosità e di attenzione al singolo, e coprono ogni ambito della persona.
E in città, possiamo annunciarlo, dal 2022, ci sono un po’ di novità. Qualche anticipazione? Eccole:

Chiesi da sempre è interessata al people care e lo è a maggior ragione oggi, come Società Benefit e più grande azien- da farmaceutica internazionale certificata B Corp.

Uno dei nostri valori recita: ‘Agiamo come Una forza Positiva’ e ‘Ci prendiamo cura l’uno dell’altro perché sappiamo di essere responsabili del benessere reciproco’.
Prendersi cura quotidianamente dell’organico, e non solo, significa avere comportamenti coerenti con le direzioni di sviluppo senza dimenticare la centralità del paziente.

Cari lettori e care lettrici, si conclude così la nostra passeggiata urbana.
“Inutile stabilire se una Città sia da classificare tra le città felici o tra quelle infelici”. Ha senso piuttosto, attraverso le nostre azioni concrete, far sì che il luogo dove abitiamo, nel corso degli anni, e dinanzi ai continui cambiamenti, sappia dare forma ai desideri. Non smettiamo di prenderci cura della nostra Città del Benessere.

Let’s our people feel better.

di Valentina Dolciotti

Al Silos non c’ero stata mai. Benché sia stato inaugurato nel 2015 e io viva a un’ora da Milano. Che vergogna. Ma, forse, dovevo aspettare il momento giusto, e la sorpresa dell’inaspettato, che ti avvolge e ti scuote.


Il Silos è immenso. Svetta in via Bergognone, al civico 40, dove originariamente si trovava il deposito di granaglie di una grande industria multinazionale. L’edificio (costruito nel 1950 e ristrutturato in seguito) si sviluppa oggi su quattro livelli coprendo una superficie di circa 4500 metri quadrati. L’impatto alla vista è pulito, lineare, non freddo ma sobrio, minimalista. Nonostante la ristrutturazione il silos ha conservato la curiosa sagoma originaria - la forma ricorda quella di un alveare – e anche da questo spazio, in questo spazio, emerge la filosofia dello stilista che ricerca l’essenzialità, liberando i volumi, i luoghi (e gli abiti) da inutili orpelli e, in generale, da elementi superflui. Unico elemento distintivo è la finestra a nastro che segna il perimetro dell’edificio, quasi fosse una corona, sottolineandone la vastità.


Una volta attraversate le vetrate d’ingresso, come Alice attraverso lo specchio, si viene catapultati in un luogo altro, intriso di stoffa e storia, arte e attrazione, cinema e cultura. Uno spazio straordinario dove è possibile attraversare e rivivere la memoria complessa e articolata del lavoro di ricerca di uno degli stilisti italiani più amati e stimati nel mondo e, non a caso, questo luogo si colloca nella “sua” città, come ricorda e racconta il bellissimo documentario diretto da Martin Scorsese (Made in Milan, 1990), in cui Giorgio Armani confessa la sua relazione intima, profonda, famigliare con la città di Milano. Il silos offre l’occasione irripetibile di spostarsi su tutti e quattro i piani per sfogliare - come leggendo le pagine di un libro - quarant’anni di lavoro dello stilista, 400 abiti e 200 accessori selezionati.


Ho scelto di chiamarlo silos perché lì venivano conservate le granaglie, materiale per vivere.

E, così come il cibo, anche il vestire serve per vivere.

Giorgio Armani



La mostra è suddivisa secondo alcuni temi che hanno ispirato e che continuano a ispirare il lavoro creativo di Giorgio Armani: al primo piano ‘Androgino’, con una selezione di capi che racconta la quintessenza dello stile Armani, capace di coniugare semplicità e rigore con una sorprendente fluidità. Al secondo piano ‘Etnie’ evoca culture e paesi lontani che hanno acceso l’immaginazione dello stilista. All’ultimo piano ‘Stars’, che illustra il profondo legame di Giorgio Armani con il mondo del cinema e dello spettacolo facendo rivivere la magia delle notti hollywoodiane.

La scala centrale, che collega i quattro livelli e organizza il per- corso, attraversa un vano verticale lasciando percepire a chi sale/scende la grande altezza e dimensione della struttura. Lo spazio espositivo custodisce in sé anche l’archivio digita- le. Quest’ultimo raccoglie schizzi, disegni tecnici, materiale relativo sia alle collezioni di prêt-à-porter sia a quelle di alta Moda ed è dedicato a ricercatori, ricercatrici e appassionat* che desiderano approfondire l’universo stilistico di Giorgio Armani.

Situato all’ultimo piano, l’archivio è consultabile gratuita- mente e raccoglie circa 1.000 outfit suddivisi per stagioni e collezioni, 2.000 capi e accessori, numerosi bozzetti, video di sfilata e di backstage, immagini tratte da Emporio Armani Magazine, campagne pubblicitarie iconiche, fotografie di backstage. Tra le cose qui descritte si possono trovare raccontate in recensioni, comunicati stampa, e nel ricco sito web dedicato al Silos; ciò che invece non è possibile trovare in rete è quella sensazione di grandezza e insieme di semplicità che ti accompagna durante tutta la visita.

Come se ci fosse un sottile filo di Arianna che guida e rassicura e che, pur nell’immensità del lavoro descritto, nell’innumerevole quantità di proposte, idee, riferimenti che attraversano i cinque continenti, svariate epoche storiche e molteplici identità, ci fosse sempre stata – fin dall’inizio, fin da subito – un’idea chiara di tutto ciò che sarebbe stato. Una sola, semplice, cristallina idea.

UPMC celebra il Mese della Diversità e dell’Inclusione

di Maria Gebbia

Un ricco programma di appuntamenti online per attraversare con un approccio intersezionale l’importanza della diversità e dell’inclusione - che il Gruppo esprime attraverso due dei suoi valori fondanti, ‘Dignità e Rispetto’ - e porre l’accento sull’impegno di UPMC per dare vita a un ambiente sempre più accogliente, paritario e inclusivo.

E, soprattutto, per “costruire ponti” tra mondo clinico e amministrativo, e tra professionalità con competenze disparate. UPMC Italy ha scelto di celebrare così il mese di maggio, scelto dall’Unione Europea per sensibilizzare l’opinione pubblica e le aziende - e, appunto, costruire ponti - su Diversità e Inclusione.

Grazie a questa iniziativa, tutto il personale di UPMC in Italia – suddiviso tra Lazio, Toscana, Campania e Sicilia – ha potuto mettere a fuoco l’importanza e il valore che ogni persona ha nella sua unicità, attraverso le testimonianze di esperti, studiose, colleghe e colleghi.

Un unico, forte leitmotiv – essere uniti nelle nostre diversità – che ritroviamo in tutti i webinar che hanno attraversato il mese, suddivisi in quattro macro-aree raccontate da personale interno e ospiti esterni.

Gli appuntamenti di La diversità siamo noi hanno messo in luce quanto fatto da UPMC in ambito D&I.
A partire da Pittsburgh, sede centrale del gruppo, dove è attivo e in primo piano nelle strategie aziendali il Center for Engagement and Inclusion; per arrivare a Palermo, dove l’I- SMETT grazie alla particolare attenzione alle esigenze delle donne, riceve il ‘bollino rosa’ ogni due anni dal 2014. Sempre in Italia, è nato ‘We4Woman’, un progetto nato dal basso e che pone l’accento sulle esigenze del personale femminile in tre ambiti specifici, Equilibrio Vita-Lavoro, Crescita Professionale e Diritto alla Salute.

La sezione Formazione ha ospitato interventi con un taglio divulgativo e informativo, spaziando da webinar in cui ci si è interrogati sulle modalità in cui gli uomini possano agire in modo trasformativo per essere alleati delle donne nella costruzione di dinamiche di genere rispettose; a approfondimenti sulla medicina di genere, che indaga in che modo il genere sia correlato alle patologie e alla loro cura al confronto tra generazioni e a fenomeni globali quali la ‘Big Resignation’, che attraversa anche l’Italia e il settore della sanità.

Un workshop interattivo ha analizzato come le parole pos- sano ferire ma anche curare.
In Facciamo rete il dialogo è stato con le realtà con cui UPMC fa rete, come ValoreD, il coordinamento del Palermo Pride, e altre società legate al gruppo, come la Fondazione Ri.MED, ente di ricerca biomedica che ha UPMC tra i soci fondator accanto al CNR e alla Presidenza del Consiglio. Tutt* Inclus* la sezione dedicata alle persone di UPMC at- tive nella società civile, con particolare riferimento all’abili- smo, mito da sfatare.


Maria Gebbia

Diversity and Inclusion Expert

di Clara Carlini e Annalia Luciano

La crisi pandemica ha accelerato alcuni processi di trasformazione delle città e dei modi di vivere dei suoi abitanti. Questo processo di cambiamento riguarda sicuramente anche la moda nei confronti della quale ormai è stato definitivamente superato lo stereotipo che sia solamente “futile e frivola” per conferirle invece l’importanza culturale e sociale che merita e le compete. D’altro canto, uno dei padri fondatori della sociologia - Georg Simmel - nel suo famosissimo saggio breve “la moda”, già nel 1910 riteneva che il “ruolo fondamentale della moda fosse quello di essere al tempo stesso prodotto e motore della differenziazione sociale.”

La pandemia ha spostato il focus sulle fragilità del corpo umano ricordandoci che esso ha dei limiti che vanno rispettati; la moda, abituata a celebrare corpi belli, in forma, perfetti, dovrebbe prenderne atto. In questi ultimi anni due temi sono diventati fondamentali all’interno dei dibattiti nel circuito della moda e sono inclusione e diversità. Milano è una città che si impegna per dare risposte in questo senso. Già alla fine del 2020 Pierpaolo Piccioli, direttore creativo di Valentino, aveva evidenziato come fosse importante utilizzare la moda per parlare di inclusività sociale e culturale; lo stilista aveva infatti scelto per la sua sfilata 60 modelli e modelle dalle strade delle città di tutta Europa perché fosse rappresentata la bellezza in tutte le sue sfumature differenti.

Aveva celebrato la libertà rigettando l’idea che ci possa essere una dittatura nella moda; al contrario diceva Piccioli” ognuno deve sentirsi libero di indossare ciò che vuole nel modo che preferisce, usando l’abito come espressione di sé stesso, uno strumento per raccontarsi”. Anche la scelta della sede aveva un significato, Piccioli raccontava:” l’ex Fonderia Macchi è uno dei tanti simboli della Milano che ha reso grande l’Italia e che oggi più che mai, merita di essere celebrata come città d’innovazione. Vederla animarsi di bellezza è motivo di felicità, per me e il mio gruppo, e spero anche per tutte le persone che hanno visto lo show”.

Durante l’ultima settimana della moda lo scorso febbraio hanno sfilato abiti e accessori, si, ma soprattutto espliciti valori e ideali, di bellezza, di diversità, di accettazione; a questo proposito ha fatto parlare di sé ancora una volta (aveva già dimostrato la sua originalità di pensiero e il suo sentire nella sfilata primavera estate 2022) Marco Rambaldi, uno dei nomi del nuovo panorama italiano con la sfilata dal titolo emblematico Nuova Poetica Post-Romantica. L’amore è al centro del suo show, amore che deve essere per tutti e infatti il suo casting è inclusivo a 360 gradi, non ci sono limiti di gender, taglia o età. Il rossetto rosso viene indossato da uomini e donne perché non ci sono confini, tutto appartiene a tutti, un inno all’inclusività. Le collezioni di Rambaldi esprimono voglia di fuggire da certi retaggi obsoleti, un afflato di libertà per tutti coloro che non si riconoscono in una determinata categoria di genere.

Sembrano e sono a tutti gli effetti belle notizie ma soltanto un anno fa un sondaggio di Madame le Figaro ci raccontava una realtà un pochino diversa con Milano ultima nella classifica dell’inclusione rispetto a Parigi, New York e Londra e dove quest’ultima risultava invece la città più inclusiva per i rappresentanti delle black communities che desiderano studiare moda. Alla domanda su quanto è inclusiva la moda italiana Stella Jean, designer italo-haitiana rispondeva che l’inclusività in Italia è ancora “un’illusione”.

Un altro tema fondamentale su cui concentrare gli sforzi per ottenere effettivi ed efficaci passi in avanti è quello relativo alla disabilità e ai suoi rapporti con la moda. Bisogna risalire al 1999 quando a Londra il compianto Alexander Mc Queen fece sfilare l’atleta paraolimpica, attrice, modella e attivista Aimée Mullins, priva di entrambe le gambe, con indosso delle protesi di legno fatte su misura. Oppure ricordiamo Rebekah Marine conosciuta come la prima modella bionica perché nata senza un avambraccio e portatrice di protesi, che sfilò durante la settimana della moda di New York nel 2016 insieme a Leslie Irby, modella su sedia a rotelle.

In Italia siamo orgogliosi di Beatrice Maria Vio da tutti conosciuta solo come Bebe Vio, giovane schermitrice paraolimpica, vincitrice di più medaglie, tra cui due ori nel fioretto individuale, persona dinamica piena di energia ed entusiasmo. Bebe è testimonial de L’Oreal Paris per creme e make-up e quando viene truccata dai professionisti del marchio chiede di non nascondere le cicatrici che le ha la- sciato la meningite fulminante che l’ha colpita a undici anni perché coprirle con il fondotinta significherebbe cambiarla e lei non vuole, vuole rimanere sé stessa. Lei ama quelle cicatrici che rappresentano il suo vissuto, ciò che è diventata ed i risultati raggiunti. Un messaggio potente dell’amore per sé stessi che deve liberare la disabilità da vergogna e imbarazzo che ancora purtroppo l’avvolgono.

Esiste una moda per le persone disabili? Oggi si parla di Adaptive fashion, ma che cos’è esattamente? È una tipo- logia di abbigliamento che dovrebbe rendere più semplice l’atto del vestirsi e che si adegua alle necessità e ai bisogni di chi ha limitazioni fisiche, percettive o sensoriali. Chi è in sedia a rotelle, chi indossa protesi, chi è ipovedente solo per fare alcuni esempi, può trovare infinitamente difficile indossare un jeans, abbottonare una camicia o infilare una cintura. Un marchio inclusivo dovrebbe perciò sottolineare l’unicità di ogni corpo come aspetto di riconoscimento e inclusione.

Le origini della moda inclusiva risalgono agli anni Trenta del XX secolo negli Stati Uniti quando nelle cliniche per perso- ne con disabilità si era capito quanto fosse importante la relazione tra vestito e riabilitazione, in quanto il processo di vestizione e svestizione era un momento fondamentale per l’autosufficienza del paziente disabile.

Nel 2016 lo stilista americano Tommy Hilfiger è stato il primo a realizzare un’intera collezione per uomini e donne con disabilità; negli Stati Uniti e nel Regno Unito questa tendenza sembra procedere a passo spedito, in Italia no- nostante la moda sia considerata un esempio e motore di tutta la moda internazionale non ci sono marchi di spicco che si occupino di moda inclusiva, chi lo fa utilizza ancora un approccio medico o medicale alla questione. Si calcola che nel mondo ci siano più di 1,3 miliardi di persone con disabilità quindi si tratterebbe di sviluppare una vera e pro- pria strategia commerciale per rispondere alle esigenze di un gruppo numeroso di persone.

Qualcuno si è domandato se l’Adaptive fashion sebbene molto utile non sia un po’ ghettizzante, in realtà il suo fine ultimo è l’inclusione sociale delle persone diversamente abili o meglio l’integrazione delle stesse. Il desiderio di queste persone è quello di arrivare ad essere come tutti gli altri perché è nella diversità ed unicità che alla fine siamo davvero tutti uguali. La percezione delle disabilità e dell’inclusione a livello sociale è migliorata negli anni ma c’è ancora molta strada da fare per ridurre lo stigma e superare le barriere psicologiche e culturali. E soltanto quando la disabilità così come la diversità non faranno più notizia allora l’inclusione sarà raggiunta.

Vi è molto ancora su cui riflettere perché è chiaro che l’inclusione dovrebbe essere in primis un fatto culturale con- naturale alla società e alle città nelle quali viviamo. Tuttavia, fino ad oggi questo livello di consapevolezza non è ancora stato raggiunto nella sua completezza.


Clara Carlini.

1971, laurea in scienze politiche, former fashion correspondent.

Annalia Luciano

1971, fashion consultant, co-fondatrice di Amodino Milano.

Simbolo intelligente per viaggi inclusivi

a cura della Redazione

Si narra che il primo girasole apparso sulla terra fosse in realtà una giovane ninfa, Clizia, innamorata di Apollo, dio del Sole. Apollo, lusingato dal grande amore della giovane, in un primo momento ricambiò le attenzioni, ma successivamente la abbandonò. Clizia per la disperazione pianse ininterrottamente per nove giorni immobile in un campo, senza distogliere mai gli occhi dal sole. Secondo il mito nato più di duemila anna fa, il corpo della giovane si irrigidì trasformandosi in uno stelo, i suoi piedi divennero radici ed i capelli divennero una corolla gialla. Clizia in questo modo si trasformò nel primo girasole della terra, che ammira il sole tutto il giorno.

Questa è solo una delle tante leggende esistenti sul girasole, il fiore per eccellenza della bella stagione. Tra i simboli più contemporanei associati a questa pianta c’è anche quello dell’inclusione. A livello mondiale rappresenta disabilità nascoste, dette anche invisibili, come l’autismo, dolore cronico e difficoltà di apprendimento, nonché condizioni di salute mentale, mobilità, disturbi del linguaggio e perdita sensoriale come perdita della parola, perdita della vista, perdita dell’udito o sordità.

Le persone che vivono con queste patologie affrontano spesso ostacoli nella loro vita quotidiana, a cui si aggiungono la mancanza di conoscenza o comprensione da parte degli altri. Senza prove visibili della disabilità nascosta, è spesso difficile per gli altri riconoscere le sfide affrontate e, di conseguenza, la simpatia e la comprensione possono spesso scarseggiare. Per questo motivo è stato inventato il “Sunflower Lanyard”, un laccetto usato per aiutare con la dovuta discrezione le persone che ne fanno richiesta: infatti il laccetto girasole permette al nostro staff di riconoscere una necessità particolare e di prestare aiuto o di essere pronto a concedere un po’ di tempo in più al passeggero che lo indossa e ai suoi accompagnatori.

Tutto nasce nel 2016 dall’aeroporto di Gatwick, Londra, per poi diffondersi piano piano in gran parte dell’Inghilterra. Nasce per chi ha delle disabilità nascoste, quelle che non si vedono a colpo d’occhio; non è nato quindi specificatamente per l’autismo, ma per diversi tipi di disabilità come disturbi cognitivi, ansia, ADHD. Gatwick ambisce a diventare l’aeroporto più accessibile del Regno Unito e credo che non avrà difficoltà a raggiungere il suo obiettivo.


Sulla base del successo dei cordini negli aeroporti altre organizzazioni nel Regno Unito li hanno adottati, tra cui supermercati, stazioni ferroviarie, musei e impianti sportivi. Un Italia uno degli aeroporti che ha seguito l’esempio virtuoso di Gatwick è il Marco Polo di Venezia, in cui il braccialetto viene a chiunque ne faccia richiesta. In particolare, i passeggeri con disabilità invisibili, o gli accompagnatori di passeggeri con disabilità invisibili, possono chiedere uno speciale laccetto con i girasoli da indossare all’interno dell’aeroporto. È possibile reperirlo in tre aree: in sala Assistenza Speciale (primo piano landside), all l’ufficio Informazioni Arrivi (piano terra presso la zona arrivi) o all’addetto assegnato all’assistenza.

Una piccola accortezza che incide sul la qualità delle vita di tante persone – adult, bambin*, ragazz* - e famiglie. Quali sono i vantaggi? Innanzitutto, è uno strumento sia per il passeggero che per il personale, perché permette di identificare con chiarezza una persona che necessita di un’attenzione diversa e allo stesso tempo riduce notevolmente lo stress nel disabile grazie alle agevolazioni che sono previste. Basta infatti rivolgersi direttamente al personale e chiedere ciò di cui si ha bisogno.

Indossare il laccetto girasole è una scelta volontaria a disposizione del passeggero per vivere un’esperienza migliore. Un gesto semplice che vale più di mille parole.


Per maggiori informazioni visita il sito:

www.veneziaairport.it/info-e-assistenza/disabilita-invisibili.html

Il racconto di Stefano Bruzzese, delegato del Tonga alla simulazione ONU.

di Francesca Lai

Sarà alto poco più di 506 metri, avrà novanta piani e sorgerà su un terreno di 1,2 acri al 418 11th Avenue di Manhattan. L’Affirmation Tower, grattacielo proget-tato dallo studio di architettura di David Adjaye, diventerà il simbolo dell’inclusione socioeconomica per la città di New York.

Ancora non esiste, ma agli occhi (dell’immaginazione) di Stefano Bruzzese, 25 anni, dottorando in scienze agrarie, forestali alimentari all’Università di Torino, questo edificio è forse uno dei più innovativi e inclusivi mai esistiti.

Scelto tra più di tremila selezionat* per vestire i panni di codelegato del Tonga alla simulazione ONU, Stefano è rimasto colpito da una città in cui l’inclusione è tra le persone, tra le strade, nei palazzi e nei progetti architettonici.

Affirmation Tower non solo cambierà lo skyline e il paesaggio di New York City, ma sarà un potente motore economi- co per le minoranze e le donne: sarà destinato destinare il 35% della forza lavoro a persone di colore, per un totale di oltre un miliardo di dollari.

Da Collegno, provincia di Torino, a New York. Perché hai deciso di candidarti a questo progetto?
Il mio sogno era poter vedere e camminare nel celebre Pa- lazzo di Vetro. Purtroppo, non è andata così: in quei giorni, all’inizio della guerra in Ucraina, il palazzo era occupato per le sedute – quelle vere – degli stati membri. Per cui la settimana di attività si è svolta al New York Marriott Marquis, un centro congressi nel cuore di Times Square. È stata comunque una bellissima avventura: tre giorni pieni di attività due da turista.

Come ti sei preparato per affrontare le giornate di discussione?
Prima delle tre giornate abbiamo avuto l’opportunità di fare una formazione in cui abbiamo scoperto le fondamenta del sistema ONU: dagli organi, ai meccanismi di decisione, al public speaking.

Chi sono stati i tuoi “vicini di casa” all’ONU? Io ho lavorato nel comitato dell’Unicef insieme ad un code- legato, anche lui di Torino. A fianco a noi c’erano i delegati dell’Australia, delle Seychelles, e il Kiribati, piccolo paese dell’Oceania.

Com’erano organizzate le giornate? Le attività iniziavano alle 9 del mattino fino alle 16 e 30 del pomeriggio. Si lavorava da soli o in gruppo in diverse sessioni, si presentavano mozioni sull’ordine del giorno e si votava. Noi, essendo nel comitato Unicef, avevamo il compito di presentare strategie e strumenti volti all’introduzione di politiche giovanili post pandemia. Ogni sera ho partecipato ad eventi diversi. Il più bello è stato il concerto di Francesco De Gregori al Manhattan Center.

Prova a fare un bilancio della permanenza nella Grande Mela. Cos’hai portato con te in Italia?
È stato bello vedere l’affiatamento di tutti noi giovani. Dopo due anni di pandemia, ragazze e ragazzi da tutto il mondo insieme nel vivere giornate intense e fuori dall’ordinario. Si è sentito molto questo calore: non lo dimenticherò mai. Come non scorderò l’emozione di incontrare gli special guest intervenuti, l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton e il grande Francesco de Gregori. E poi porterò con me per sempre la città, la sua grandezza, il senso di comunione costante, il via vai di gente a qualsiasi ora del giorno e della notte. New York non dorme mai e ha sempre qualcosa da offrire.

New York è una delle città più multietniche al mondo. Qui l’inclusività è di casa?
Chiunque può trovare il proprio luogo. New York è una città libera dove le etnie si incontrano tra loro senza distinzione. È qualcosa che noti subito.

Ci fai degli esempi? L’inclusione pervade la città a partire dai bagni pubblici (in alcuni non ci sono distinzioni di genere) fino all’architettura dei luoghi e dei palazzi. Questa è una tendenza del presente e del futuro. Tra le cose che più mi hanno colpito c’è sicuramente l’Affirmation Tower che sorgerà sul “site K” della città, ad un isolato dalla nota “High Line”, e sarà il simbolo dell’inclusione di sesso e di etnie. Progettato dall’architetto americano David Adjaye, il grattacielo prevede una struttura a parallelepipedi che crescono dal basso verso l’alto. Il significato è proprio l’inclusione: entrerà nella storia perché sviluppato e abitato soprattutto da donne, persone di colore e da tutte quelle “minoranze” spesso ai margini della società.

Consiglieresti ad altre persone di fare questa esperienza? Certamente. In primis viaggiare comporta sempre un arricchimento, in qualsiasi città del mondo. Per quanto riguarda la mia permanenza a New York, l’esperienza della simulazione ti permette di metterti nei panni di quello che i veri diplomatici fanno nella realtà, attività non banale. Non solo, il valore di questo viaggio sta nel poter lavorare con altre persone, diverse per lingua e cultura. In questa occasione ho allenato la mia capacità di leadership e di collaborazione in gruppo. Ecco perché la consiglio.

Sono (anche) affari nostri

a cura di Maschi che si immischiano

Perché non mi riconoscevo in una maschilità aggressiva: la pativo su di me e provavo empatia per le donne che la subivano”. “Perché ho capito che dovevo mettere in discussione tante superficiali certezze”. “Perché venivo da una famiglia “matriarcale” e non mi ero reso conto che all’esterno ci fossero tutte queste ingiustizie. Che ha subito anche mia figlia”. “Per...interesse: perché alla fine la banalità del patriarcato è una fregatura anche per l’uomo, e cambiare le cose conviene a tutti”...

Già: perché un piccolo gruppo di uomini con vari impegni e professioni dà vita ad una associazione dal titolo “Maschi Che Si Immischiano”? Nel provare oggi a richiedercelo, è emerso che la risposta dell’altro conteneva e allo stesso tempo completava la propria. Senza dimenticare un dettaglio, che oggi un po’ ci inorgoglisce e un po’ ci rode: abbiamo creato questa piccola associazione perché - se l’idea è stata di un uomo - a convincerci è stata...una donna. Che conoscevamo e che da allora fa da contrappunto e pungolo alle nostre riflessioni, creando quella alleanza che pensiamo sia l’unico modo per essere tutti e tutte liberi di essere ciò che vogliamo.

Era il 2016. La Parma ricca e felice che tanto spesso si vanta capitale lo stava ridiventando, come già dieci anni prima, anche dei femminicidi. E allora, alla vigilia della Giornata contro la violenza sulle donne, abbiamo capito che in quel 25 Novembre non avremmo più potuto lasciare sole le donne a sfilare in corteo. Quel giorno, e da quel giorno, abbiamo esibito e scandito la triste ma concretissima verità che ci fa da sottotitolo: “Il problema siamo noi”. E dunque, se lo vogliamo, anche la soluzione.
Sei anni dopo, possiamo dire di aver avuto sorprese in negativo e in positivo. Le prime: se le iniziative sono apprezzate, è molto più difficile far percepire quel discorso di introspezione che si traduce spesso - lo abbiamo sperimentato sulla nostra pelle di soci fondatori - in un vero e proprio ribaltamento delle proprie convinzioni e dei propri comportamenti quotidiani. Un esempio: siamo stati felici di veder crescere i followers della nostra pagina facebook fino a circa 3500, salvo poi scoprire che il 60% sono donne. Ancora: le porte a cui bussiamo si aprono facilmente, ma anche perché resiste una convinzione radicata: “io non picchio”, “la violenza non mi riguarda”, ovvero si pensa che ci sia una sorta di distanza tra le persone e quel problema, dunque non costa nulla aderire. Eppure si può scoprire che il femminicida, il violento o lo stalker era l’amico, il vicino o il collega di scrivania: forse solo in quel caso si capisce che il nemico vero è la cultura patriarcale e sessista che un po’ tutti ci portiamo inconsapevolmente addosso.

Ma ci sono state anche belle sorprese: ad esempio nel mondo dello sport. Ed è simbolico che i primi e più convinti interlocutori siano stati gli interpreti dello sport virile per eccellenza: il rugby, dove il concetto-simbolo di fair play si è allargato al tema del rispetto, parallelamente alla crescita che le squadre femminili stanno avendo nella palla ovale. Ma anche nel calcio le nostre iniziative non sono cadute nel silenzio: chi avrebbe detto, almeno fino al decennio precedente, che avremmo visto una squadra di serie B come allora era il Parma esibire una maglietta ancora crociata ma fucsia...? E il discorso si sta allargando ad alcune società giovanili di varie discipline: tema importantissimo, perché lo Sport ha uno straordinario potenziale educativo, non sempre sfruttato nel modo giusto.

Altre grandi ventate di limpidezza e di ottimismo ci vengono dai ragazzi che abbiamo incontrato nelle scuole. Quando si parte dalla vita di tutti i giorni e, ad esempio, li si pone di fronte alle differenti attenzioni che si debbono mettere in pratica quando si esce la sera (dall’abbigliamento alle precauzioni nel ritorno a casa se si deve camminare a piedi) a seconda che si sia ragazzo o ragazza, allora vien fuori trasparente e prepotente l’indisponibilità ad accettare questa e le tante altre quotidiane disparità di genere.

Poi, naturalmente, è diventato preziosissimo fare rete con le diverse associazioni al femminile che si occupano di violenza, di diritti, di pari opportunità, di teatro ecc. Dalla prima volta in cui abbiamo fatto sentire la voce altra, quella maschile, abbiamo visto intorno a noi un positivo stupore. A volte è stato necessario superare qualche comprensibile diffidenza: non eravamo lì per oscurare, ma al massimo per affiancare o stare anche un passo indietro. Ed è vero che non dobbiamo occuparci di tematiche che riguardano le donne: siamo nati per occuparci di noi uomini, della riflessione sulla maschilità e di come ingabbia noi e dall’altra parte, le donne della nostra vita. Niente proposte di corsi di autodifesa, e invece tentativi di rispondere alla domanda: come far sì che le donne non debbano difendersi?

Sui bus in giro per la città, sulle auto del Comune e di qualche cooperativa ha viaggiato la nostra campagna di comunicazione “Scegli che uomo sei” (“Un collega che riconosce o che svaluta le donne?”, ad esempio)

Discorsi che affrontiamo anche nelle aziende, sia con incontri-dibattito, sia con iniziative come la newsletter mensile con vignette “firmate” Gianlo in cui proponiamo di “immi-schiarsi” sulle tematiche della quotidianità condividendo, confrontandoci e ponendoci reciprocamente dei dubbi. Come ripetiamo spesso, l’obiettivo ultimo dei MCSI è... sciogliersi. Attraverso il nostro passaparola a chilometro zero, vorremmo diventare una associazione finalmente inutile rispetto a una presa di coscienza che deve essere collettiva e che ci pare ovvia e scontata, per un mondo migliore. Da costruire insieme, uomini e donne.


Maschi che si immischiano

Associazione nata nel novembre 2016

Mail: maschichesiimmischiano@gmail.com E

Facebook: Maschi Che Si Immischiano Aps

Intervista al Sindaco Matteo Lepore

di Francesca Lai

Sindaco Lepore, ora più che mai l’Italia vede la vera anima di Bologna, città inclusiva e rivoluzionaria. Il 22 febbraio 2022 è iniziato il percorso che porterà alla modifica dello statuto di Palazzo d’Accursio per introdurre simbolicamente il principio dello ‘Ius Soli’ e istituire la cittadinanza onoraria del Comune ai minori stranieri nati in Italia che vivono o studiano in città. Bologna è riuscita dove il parlamento non è arrivato nel 2017. Crede che anche altre città italiane seguiranno l’esempio de “La dotta”?

È quello che spero. In alcuni Comuni il dibattito è già avviato. Penso a Napoli, dove il Consiglio Comunale ha approvato un ordine del giorno con il quale si impegna l’amministrazione ad inserire lo Ius Soli nello Statuto comunale, o a Roma, dove qualche giorno fa l’Assemblea Capitolina ha approvato una mozione per attivare un impegno pubblico sul tema della riforma della cittadinanza. Sono segnali importanti. Così come lo sono stati i tanti messaggi di sostegno e apprezzamento che abbiamo ricevuto da tutta Italia, per la nostra iniziativa sullo Ius Soli. Credo sia una battaglia di civiltà, fondamentale, da portare avanti insieme. Un invito che rivolgo ai cittadini e ai sindaci italiani, soprattutto quelli progressisti e democratici. Perché si tratta di una proposta che guarda alla realtà del nostro Paese, che mira ad includere chi si sente, e di fatto è, italiano a tutti gli effetti, perché parla la nostra lingua, cresce nel nostro stesso contesto culturale, tifa per le stesse squadre di calcio o di basket. È importante che le città sollecitino il Parlamento a fare un passo avanti storico per l’Italia, approvando una riforma nazionale sulla cittadinanza. Oggi più che mai la democrazia deve allargare il fronte dei diritti e dei doveri. Su questo Bologna vuole fare la sua parte, come città dei diritti, coerentemente con la sua storia.

A seguito di questa iniziativa undici mila ragazz* diventateranno cittadin* bolognes*. Bambini e bambine, giovani che un giorno saranno adulti la cui vita sarà segnata da questa. Bologna sarà anche nelle loro mani. Da questo punto di vista, pensa mai alla città tra vent’anni? Come la immagina?

Si tratta di un atto simbolico forte con il quale diciamo che per noi queste ragazze e questi ragazzi sono bolognesi e italiani, e che devono avere gli stessi diritti dei loro coetanei. È giusto e bello che Bologna sia anche nelle loro mani e che possano partecipare attivamente alle scelte del futuro della città. Tra vent’anni mi immagino una grande Bologna. Una città più inclusiva, aperta, capace di attrarre talenti e valorizzare le diversità culturali. Una città pienamente europea capace di contribuire alle principali sfide future, da quella del lavoro, a quella sociale, sanitaria e climatica e sulle nuove tecnologie. Capace di dare risposte concrete e mettere al centro le persone e il loro benessere. Una città più verde e sostenibile, grazie all’importante lavoro che stiamo realizzando, per esempio, con la missione UE delle 100 città a impatto climatico zero entro il 2030. Per fare questo sarà importante affermare la “politica del noi”, avendo cura delle relazioni con le persone e stimolando la partecipazione attiva dei cittadini.

Lei si è definito un “sindaco tra la gente”. Non appena eletto ha introdotto una modalità nuova di ascolto della cittadinanza: il suo ufficio ha migrato per i centri civici di ogni quartiere al fine di raccogliere equamente l’istante di tutti i cittadini. Quanto la presenza sul territorio ha inciso sullo sviluppo della città dall’inizio del suo mandato? Che risultati sono stati ottenuti?

Ho sempre creduto in una politica che metta al centro le persone, i territori, l’ascolto. Quella stessa politica che, oggi, deve tornare a svolgere il ruolo per cui è nata. Cioè essere vicina ai cittadini. Da qui la scelta di voler spostare il mio ufficio, una volta al mese, in un quartiere diverso della città. Un nuovo modo di lavorare per tutta la Giunta e la macchina comunale. La presenza sul territorio in questi mesi è stata fondamentale. Ci ha permesso di toccare con mano cosa funzione e cosa non funziona, di ascoltare direttamente i cittadini e lavorare insieme sulle priorità, zona per zona. Così facen- do andiamo incontro ai problemi quotidiani delle persone, ne raccogliamo i bisogni e le priorità percepite e costruia- mo insieme possibili soluzioni. A spostarsi non sono solo il sindaco e il suo staff, ma anche gli assessori e i dirigenti comunali. Questo ci permettere di cambiare il punto di vista dell’amministrazione, conoscere ciò che accade in prima persona. Da questa conoscenza e dalla cura della comunità e dei territori nascono le risposte concrete da dare ai cittadini. Un metodo di lavoro basato sulla prossimità quindi, che porteremo avanti per tutto il mandato.



Matteo Lepore, sindaco di Bologna

Lo sviluppo di una città è determinato inevitabilmente dall’evoluzione del tessuto macro-sociale e micro. In questa crescita trovano spazio i progetti rivolti all’educazione, come la piazza scolastica di via Procaccini. Lei ha promesso che ogni quartiere ne avrà una. Di cosa si tratta?

La piazza scolastica di via Procaccini è la prima piazza scolastica pedonale di Bologna. 330mq di area pedonale interamente dedicati ai ragazzi di una scuola adiacente ed in generale a tutti quelli che frequentano la zona. Si tratta di uno spazio di socialità con giochi, panchine, scritte a terra con messaggi di inclusione in diverse lingue, piante officinali, rastrelliere. Un’area per garantire maggiore sicurezza stradale e più spazi per i giovani. L’allestimento, sul modello di un altro intervento simile realizzato in via Milano, è temporaneo, con una durata di 12 mesi prima di diventare definitivo. Questa piazza rappresenta il futuro di Bologna, il modo in cui vogliamo cambiare l’uso di alcune strade e spazi della città. Per far sì che lo spazio pubblico torni ad essere al servizio di tutte e tutti, pulito, sicuro, vivibile.

Racconti un altro progetto di inclusione che ha preso vita negli ultimi mesi.
Un altro importante progetto di inclusione, al quale tengo molto, è quello delle Case di Comunità da realizzare in ogni quartiere. Partiamo dal quartiere Savena, dove abbiamo già messo in campo un investimento da 7,5 milioni di euro di fondi PNRR. Nel periodo pandemico il diritto alla salu- te e la cura delle fragilità sono emersi in modo centrale. Per questo credo che oggi sia importante garantire a tutti i cittadini la possibilità di raggiungere un luogo accessibile a tutte e tutti, in cui trovare non solo medici ma anche infermieri e psicologi di comunità, assistenti sociali. In questo mandato vogliamo quindi ampliare le Case della Salute già presenti e trasformarle in uno spazio in cui sperimentare un nuovo modello di integrazione sociale e sanitaria.

Bologna città della conoscenza. Il progetto Tecnopolo, inserito in un quartiere già fertile, tra Università e centri di ricerca di eccellenza nazionali ed europei, ha una importanza strategica dal punto di vista internazionale nazionale. Secondo lei esistono anche i confini delle città? Dove inizia e finisce un territorio urbano?

Il Tecnopolo rappresenta un’infrastruttura strategica per tutto il Paese. Un progetto in cui crediamo molto e grazie al quale saremo al centro dell’Europa, diventando uno dei principali Big Data Hub europei. Una grandissima opportunità per la nostra città, che si inserisce nel progetto più ampio di Città della Conoscenza. La conoscenza e la ricerca sono fattori chiave che ci permetteranno di rendere il nostro terri- torio più attrattivo a livello nazionale ed internazionale. Viviamo in un mondo sempre più interconnesso, nel quale siamo chiamati ad affrontare sfide globali. Per questo credo che non si possa più parlare di confini in senso stretto, ma ci sia bisogno di ragionare in termini più ampi. A Bologna lo stiamo facendo, allargando il nostro orizzonte in ottica metropolitana. Per pensare e agire come un’unica comunità di oltre un milione di abitanti. Solo così saremo in grado di realizzare gli obiettivi futuri e di crescere insieme al nostro territorio.

Bologna città progressista e democratica. Dall’architettura delle idee nascono solide costruzioni. Un inedito punto di confronto a Bologna è la Nuova Fabbrica del Programma: come nasce? Come sta contribuendo e contribuirà alla crescita della città?

La Nuova Fabbrica è stata una iniziativa fondamentale per costruire il progetto per Bologna. uìUn percorso partecipato, che ci ha accompagnato fino alle elezioni, con il quale abbiamo definito insieme a migliaia di cittadini le priorità di Bologna per i prossimi dieci anni. La Nuova Fabbrica è stata caratterizzata da incontri tematici, di studio, momenti di approfondimento e di condivisione di idee e progetti. I lavori della Nuova Fabbrica ci hanno aiutato a fare sintesi e sono stati il punto di partenza prezioso che ci permette oggi di affrontare con maggiore determinazione e consapevolezza le grandi trasformazioni che la città di Bologna dovrà affrontare.

Da ultimo, una domanda che rivolgo alla persona, e non all’uomo delle Istituzioni. Bologna è la città della cultura, dei grandi cantautori, della musica che ha anche un valore sociale. È la città che fa innamorare studenti fuorisede e visitatori. Qual è la cosa che la fa innamorare ogni giorno di Bologna?

Questa è forse la domanda più difficile di tutte. Perché non è semplice scegliere una sola cosa. Dalle sue stradine piene di vita, alla sua storia e cultura diffusa, al suo essere sempre in prima linea quando c’è bisogno di aiutare gli altri. Tutto mi fa innamorare ogni giorno di questa città. Ma se proprio dovessi scegliere, direi la sua anima accogliente ed inclusiva, in grado sempre di sapersi innovare. Bologna è una città che sa dare forza alle persone, ai loro sogni e alle loro speranze. Una città che si batte ogni giorno per la giustizia e per combattere le disuguaglianze. Una città, insomma, che si alimenta costantemente della speranza che un mondo diverso e migliore sia possibile. E questa credo sia in assoluto la cosa più bella.

Registrazione Tribunale di Bergamo n° 04 del 09 Aprile 2018, sede legale via IV novembre 36, 24128 BG, P.IVA 03930140169. Impaginazione e stampa a cura di Sestante Editore Srl. Copyright: tutto il materiale sottoscritto dalla redazione e dai nostri collaboratori è disponibile sotto la licenza Creative Commons Attribuzione/Non commerciale/Condividi allo stesso modo 3.0/. Può essere riprodotto a patto di citare DIVERCITY magazine, di condividerlo con la stessa licenza e di non usarlo per fini commerciali.
chevron-down