NEL CUORE DELLA PERFORMANCE

Arianna Conca, Diversity&Inclusion and Wellbeing Manager del Gruppo Chiesi, ci racconta il ruolo del People Care in azienda

a cura della Redazione

Cari lettori, care lettrici,
vi invitiamo a passeggiare metaforicamente in questa città del benessere, dove ogni persona ha un ruolo fondamentale nel creare equilibrio e nel contribuire a un ambiente positivo. Fuor di metafora, quanto detto rappresenta il cuore del People Care in Chiesi”: prenderci cura di noi stessi e delle persone che lavorano con noi.

Con qualche sfida, naturalmente: come possiamo puntare al benessere del nostro Gruppo, caratterizzato da stili diversi e fasi della vita così variegate? E se aggiungiamo il fatto di essere dislocati, come azienda, in più punti geograficamente, lo scenario diventa ancora più complesso e stratificato, ma allo stesso tempo affascinante.

Vogliamo chiederci allora che ruolo abbia l’apparato del ’People Care’ in un momento in cui i confini tra lavoro e sfera privata rischiano di sovrapporsi.

Come possiamo offrire benessere in un momento in cui ‘fuori’ dalle città c’è tanta eterogeneità? Siamo davanti a un qualcosa che è presente ‘dentro’ le nostre esistenze e, prendere atto della difficoltà di conciliare gli impegni privati con i workloads.


Stare bene è alla base della performance.

Stare bene è una responsabilità di ogni persona verso se stessa, dell’impresa, del comparto manageriale, di ciascuna realtà con il proprio ruolo chiave nel creare un ambiente di fiducia e di serenità, condizioni necessarie per la salute mentale nel quotidiano.


Il benessere è un obiettivo strategico per Chiesi, che ha deciso di promuovere una strategia globale che esplicita i principi utili a porre il well-being al centro di ciò che facciamo.

Come specifica la nostra linea guida si tratta, nella fattispecie, “dell’impegno di creare un ambiente di lavoro, e un modo di lavorare, caratterizzato da positività, fiducia e benessere, basato sull’armonia tra lavoro e vita personale, e dove tutte le persone si sentano a proprio agio nell’esprimere se stessi e i propri talenti dando il meglio.”

Secondo tale approccio, gli stessi programmi di “people-care” rappresentano un tocco di generosità e di attenzione al singolo, e coprono ogni ambito della persona.
E in città, possiamo annunciarlo, dal 2022, ci sono un po’ di novità. Qualche anticipazione? Eccole:

  • il “meeting galateo”, linea guida per riunioni sostenibili e rispettose dell’intero ecosistema;
  • una policy globale a supporto dei genitori caregivers;
  • percorsi formativi per i people-managers al fine di guidare, con crescente consapevolezza, dei team virtuali, bilanciando flessibilità, fiducia e risultati;
  • consulenze personalizzate che spaziano dal life coaching al supporto di un nutrizionista, passando per osteopata, servizio psicologico e colloqui con i genitori;
  • il periodo sabbatico ossia un’occasione per rigenerarsi fisicamente e psicologicamente, recuperando energia, motivazione e il focus sul business.
  • Abbiamo chiamato quest’ultimo B-Sabbatical (con B che sta per Benefit), il quale può essere richiesto per qualsiasi motivo, ma un occhio di riguardo speciale sarà dedicato a chi ne ha bisogno per formazione e attività di volontariato.

Chiesi da sempre è interessata al people care e lo è a maggior ragione oggi, come Società Benefit e più grande azien- da farmaceutica internazionale certificata B Corp.

Uno dei nostri valori recita: ‘Agiamo come Una forza Positiva’ e ‘Ci prendiamo cura l’uno dell’altro perché sappiamo di essere responsabili del benessere reciproco’.
Prendersi cura quotidianamente dell’organico, e non solo, significa avere comportamenti coerenti con le direzioni di sviluppo senza dimenticare la centralità del paziente.

Cari lettori e care lettrici, si conclude così la nostra passeggiata urbana.
“Inutile stabilire se una Città sia da classificare tra le città felici o tra quelle infelici”. Ha senso piuttosto, attraverso le nostre azioni concrete, far sì che il luogo dove abitiamo, nel corso degli anni, e dinanzi ai continui cambiamenti, sappia dare forma ai desideri. Non smettiamo di prenderci cura della nostra Città del Benessere.

Let’s our people feel better.

Spread inclusion all around the globe

Author: administer