CITTÀ INCLUSIVE E SERVIZI ALLA PERSONA

L’esperienza di Sodexo Italia

a cura della Redazione

Creare città inclusive, sostenibili e accessibili è uno dei temi sui quali nei tempi più recenti si stanno concentrando gli sforzi delle amministrazioni pubbliche e dei privati, perché in questo campo si giocherà buona parte dello sviluppo della società nel prossimo futuro. Il dato demografico è infatti assodato: la metà della popolazione mondiale abita in aree urbane e nel caso dell’Europa la percentuale sale addirittura oltre il 75%. Perché le città siano davvero inclusive e sostenibili non basta però offrire soltanto uno spazio fisico e abitativo dove accogliere la popolazione, ma è anche necessario prevedere uguali condizioni di vita che si traducono, concretamente, in servizi accessibili a tutti.

È questo un tema che impegna anche aziende come Sodexo che, presente in Italia sin dal 1974, offre quotidianamente servizi di ristorazione collettiva, pulizia, facility management, servizi alberghieri e servizi educativi, come spiega Franco Bruschi, Direttore del Segmento Schools, Health & Care dell’azienda.


“Fin dalla nostra fondazione offrire servizi adeguati

alle esigenze delle amministrazioni e organizzazioni

pubbliche nostre clienti è stato il nostro principale

focus. Oggi l’attenzione punta sempre di più a come

ideare, strutturare e proporre servizi in grado di

rispondere in maniera effcace alle emergenti necessità

dei cittadini. Parliamo di un’evoluzione naturale, che

richiede uno sguardo ai cambiamenti sociali, alle

necessità e ai bisogni quotidiani delle persone e una

conoscenza approfondita di come questi cambiano a

seconda delle diverse fasi della vita”.

Franco Bruschi, Direttore Segmento Schools Health & Care

L’attenzione alle nuove generazioni

Buona parte del tempo i bambini lo trascorrono a scuola. A partire dai nidi d’infanzia, la progettazione dei servizi secondo Sodexo deve essere in grado di recepire tutte le specificità del contesto culturale di riferimento. La proposta pedagogica, in questo modo, è sempre allineata al territorio e facilita processi di integrazione e inclusione. Allo stesso tempo, dall’esperienza Sodexo emerge anche l’importanza di costruire una rete di servizi a sostegno delle famiglie orientati alla prevenzione di possibili disagi.

Nelle scuole anche il servizio di refezione è da considerare come un’occasione di grande inclusività sociale. Il pasto a scuola è infatti uno strumento democratico, perché consen- te a tutti di accedere a un’alimentazione sana, equilibrata e che rispetta nel contempo le diversità. Basti pensare, in questo senso, agli esempi delle diete speciali ed etico-religiose. I rapidi mutamenti della società stanno trasformando il mondo del lavoro e questo impone anche alle università di ampliare la propria offerta ben oltre l’istruzione accademica, così da preparare adeguatamente gli studenti al futuro che li aspetta. Secondo l’azienda, che offre servizi a questa fascia di età in più di 700 università e college nel mondo, per aiutare il passaggio alla vita universitaria è necessario accompagnare gli studenti nella loro crescita personale, preparandoli ad affrontare con successo il mondo del lavoro dopo la laurea. Con questo obiettivo, a livello internazinale, Sodexo ha sviluppato l’app “Student Living”, pensata per semplificare il passaggio alla vita universitaria, in particolare quando è lontana da casa. L’app offre infatti agli studenti l’accesso a informazioni sanitarie e sulla possibilità di effettuare prenotazioni, oltre a comunicazioni utili sulle comunità di riferimento, gli eventi, le possibilità di alloggio.

Le evoluzioni nel mondo sanitario e assistenziale

Nel corso della vita la gestione del tempo cambia poi radicalmente. Così anche quello sanitario e dei servizi agli anziani sono due ambiti nei quali l’azienda è impegnata a garantire servizi accessibili e inclusivi, come ricorda Franco Bruschi: “Rispondere alle sfide della sanità e dell’invecchia- mento demografico è possibile attraverso la progettazione di servizi che tengano conto delle attuali esigenze degli utenti e delle loro famiglie. Oltre a garantire una degenza confortevole attraverso servizi che vanno dalla corretta nutrizione all’assistenza alla persona, possiamo affermare che in questo periodo storico vi sia una ingente e costante domanda di servizi specializzati. Per noi la risposta sta nel ripensamento della Sanità come Ecosistema Sanitario Integrato, ovvero un insieme che dialoga con l’esterno e interagisce con altri sistemi, in un rapporto dinamico e aperto”.

Un esempio di questo nuovo paradigma, in ambito senior, è la partnership di Sodexo con Domitys, realtà abitativa dedicata ai pensionati o coppie di anziani che cercano una soluzione indipendente. La struttura, presente in Italia a Bergamo, conta 124 appartamenti in cui è possibile usufruire di servizi integrati e attività quotidiane, mettendo a disposizione degli abitanti un ambiente sicuro che facilita la vita quotidiana e benessere attraverso aree per il relax e per la socialità. A questo si aggiungono anche iniziative realizzate in collaborazione con scuole, asili e associazioni per favorire momenti di socializzazione tra i residenti provenienti da ogni parte d’Italia e le comunità cittadine.

Spread inclusion all around the globe

Author: administer