UN CUORE ROSSO E BLU

Il Cagliari Calcio contro ogni discriminazione

Una società multiculturale, quella in cui viviamo. Ma che, ancora oggi e quotidianamente, necessità del consolidamento di valori e comportamenti per rendere veramente efficace un cambiamento in positivo rispetto alle tante problematiche che impediscono una concreta inclusione di tutti gli individui.
Per questo serve il contributo di ogni attore che opera nel proprio settore, serve andare oltre le parole. In tal senso i club sportivi, nello specifico calcistici, possono ricoprire un ruolo decisivo.

La possibilità di incidere in maniera significativa arriva, sicuramente, dalla cassa di risonanza che le iniziative sportive, i comportamenti, gli esempi di tesserati e dipendenti, i fatti che avvengono in luoghi come gli stadi e tutto ciò che vi gravita attorno sono in grado di generare.

Il Cagliari Calcio ha, ormai da anni, intrapreso un percorso di responsabilità sociale che guarda a tutte le sfere della collettività, e di chi al suo interno ha più bisogno di supporto, affiancandola con risorse e progetti finalizzati ad un miglioramento concreto delle condizioni di vita.

Obiettivi come la sostenibilità ambientale, la lotta al razzismo, l’inclusione di tutti senza distinzioni sono al vertice della politica del club, rinforzata ulteriormente nel 2021 con il manifesto #BeAsOne, per rendere sempre più organica e onnicomprensiva la serie di iniziative e intenti. Senza dimenticare i colori arcobaleno sulla maglia della squadra in occasione di Milan-Cagliari e in molteplici luoghi strategici del club per la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, che si celebra il 17 maggio.

Due progetti-guida, tasselli esemplificativi di ciò che il Cagliari Calcio porta avanti, sono sicuramente “L’umanità ha un unico volto” e il contestuale ciclo di incontri tenuto con i ragazzi del Settore Giovanile, fortemente voluto per dialogare, condividere e diffondere l’importanza della quotidiana lotta contro ogni forma di discriminazione.

“L’umanità ha un uni- co volto”, a marzo 2021, in occasione della XVII settimana d’azione contro il razzismo, ha dato concretezza al proprio scopo. Protagonisti alcuni dipendenti e calciatori, che hanno prestato il proprio volto a una campagna che ha mostrato la famiglia rossoblù impegnata sul campo per un obiettivo non più rimandabile.

Un lavoro che ha guardato all’inclusione, all’accoglienza e all’integrazione, per un messaggio declinato sui canali ufficiali del Cagliari Calcio e in diversi luoghi della città, a riprova dell’importanza strategica di un’iniziativa d’insieme che coinvolga tutta la comunità.

Contestualmente sono andati in scena – sia nel centro sportivo di Assemini, casa delle squadre rossoblù, sia via web – gli incontri formati- vi rivolti ai ragazzi del Settore Giovanile. Curati da Fabio Zarra e Virginia Marino, psicologi ed educatori del club, insieme al responsabile dell’Ufficio Antirazzismo della Lega Serie A Omar Daffe, sono nate riflessioni sul razzismo e testimonianze sull’importanza di iniziative come quelle ideate dal Cagliari, che si sposano con la campagna “Keep Racism Out”, promossa dalla Lega Serie A e dall’UNAR (Ufficio Nazionale Anti discriminazioni Razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri).

Inclusione, tolleranza, rispetto reciproco: principi fondanti, a tutti i livelli, dell’attività del Cagliari Calcio e rivolti a ogni categoria, di qualsivoglia etnia, religione, provenienza geografica. Obiettivi nel mirino per raggiungere davvero l’eliminazione di ogni forma di razzismo, xenofobia e violenza, in tutti i contesti.

Un impegno che va esteso a chiunque: tifosi, lavoratori, atleti, senza distinzioni di età e ruolo, perché solo da questi criteri è possibile partire – o continuare quanto già iniziato – per vivere davvero, presto, in un mondo migliore.

Spread inclusion all around the globe

Author: administer