JOY

Junior e senior al lavoro per la Chiesi del futuro

Che cos’è JOY?
È, sicuramente, un’occasione unica di confronto e collaborazione per generare nuove idee che consentano a Chiesi di raggiungere gli obiettivi futuri.

Ma cosa c’è di diverso rispetto a quello che fanno altre Aziende? Il nome JOY sta per Juniors On strategY e ha l’obiettivo di ascoltare, veramente, il punto di vista delle persone più junior presenti in azienda, attraverso il lavoro e la collaborazione a stretto contatto con i colleghi senior, su tematiche strategiche per Chiesi, proponendo idee e realizzandole. Quando parliamo di “junior” ci riferiamo a persone dipendenti che abbiano completato il percorso di studi non più di sei anni prima dell’inizio del progetto JOY.

Questo aiuta a ridurre il gap generazionale: i/le junior possono condividere la propria “freschezza” mentre i/le più senior mettono a disposizione la propria esperienza.
È questa la combinazione vincente che permette di generare valore per l’azienda!

Il progetto ha preso vita nel 2017 e, cosa di cui vado molto fiera, l’idea è nata da due persone junior all’interno del dipartimento di Global Strategy in risposta all’esigenza del nostro CEO di “sentire che cosa pensano i giovani…”

Chi meglio di loro, dunque?
La prima edizione del progetto è stata dedicata al tema della diversità poi, nel 2020, abbiamo lanciato la seconda edizione, concentrata sul tema della semplificazione; la terza e la quarta, attualmente in corso, stanno approfondendo – rispettivamente – i temi legati all’attenzione al paziente e al senso di collaborazione e unità, superando quindi le dinamiche di dipartimento o di ruolo.
Ogni attività si basa e si ispira ai valori dell’Azienda.
In ogni edizione il gruppo di persone junior è il cuore pulsante del progetto poiché guida le attività e il dialogo con i senior. Ogni edizione di JOY è supportata da un project leader che, per favorire un circuito virtuoso e garantire che il programma rappresenti, anche, un’occasione di sviluppo per tutti i partecipanti, abbiamo voluto che fosse un partecipante di JOY di una precedente edizione.
Oltre a questa figura è fondamentale la presenza del mentor, ovvero una persona senior esperta nella tematica dell’edizione in corso, che ha il compito di aiutare il team nella comprensione del tema e nella gestione di eventuali problematiche che potrebbero emergere.
La prima edizione ha dato luce al tema della diversità, ai tempi ancora poco esplorato. Durante il workshop – momento cruciale per JOY – junior e senior hanno generato idee e, successivamente, alcune di queste sono state selezionate e meglio descritte in piani di azione specifici.

Un esempio concreto è la tagline “Everyone of us is different, everyone of us is Chiesi”, oggi al centro dei valori di Chiesi. La seconda edizione di JOY, partita a settembre 2020, aveva come tema strategico “From complexity to simplicity: the revolution to become more agile” si è conclusa ad aprile 2021. Per questa edizione è stato deciso di ampliare il coinvolgimento, offrendo a tutti i junior la possibilità di candidarsi attraverso un piano di lancio, di comunicazione e di selezione estremamente trasparente… e supportato da video in cui i candidati raccontavano le motivazioni che li spingevano a candidarsi.

Altra grande novità di questa edizione è la fase di implementazione: una volta selezionata l’idea ritenuta più d’impatto e realizzabile per raggiungere l’obiettivo, è previsto che questa venga sviluppata nei mesi successivi. Una modalità introdotta per dimostrare che il cambiamento è davvero possibile; inoltre, per dare continuità alla generazione di idee, abbiamo offerto ai junior la possibilità di guidare la realizzazione di una di queste, con il supporto e l’appoggio dei senior.

In particolare, il team della seconda edizione di JOY ha realizzato due progetti: “Smart ACTitude” e “BlackBox”. SmartACTitude ha l’obiettivo di valorizzare una delle risorse più importanti che abbiamo: il tempo! A tal fine, il team ha creato degli strumenti per una gestione delle riunioni più efficace: alcune linee guida, in collaborazione con i colleghi R&D, e un tool informatico a supporto di una gestione efficiente delle riunioni, nelle fasi di preparazione, svolgimento e seguito. Questi due strumenti sono stati validati con un test pilota che ha coinvolto alcuni dipartimenti aziendali e, dato l’ottimo risultato, verranno a breve estesi a tutto il Gruppo. BlackBox invece ha l’obiettivo di rendere più fluidi i processi attraverso la raccolta di feedback anonimi da parte delle persone coinvolte durante lo svolgimento degli stessi.

Il team lo ha testato, ad esempio, sul processo di pianificazione strategica e il pilota ha avuto risultati brillanti. Lo ha quindi perfezionato e, a breve, sarà a disposizione di tutti coloro che vorranno.

Siamo orgogliosi di avere ideato un programma come JOY, pensiamo sia unico nel suo genere e, per questo, stiamo lavorando per valorizzarlo nel lungo termine, per miglioralo e per renderlo sempre più d’impatto per il futuro della nostra Azienda.
Siamo convinti che i/le junior possano cambiare il mondo e, attraverso JOY, abbiano l’opportunità di cambiare Chiesi!

GIOVANNA AMADORI, Head of Global Strategy & Corporate Development
Spread inclusion all around the globe

Author: administer