A cura della Redazione

Viviamo in un mondo in cui il progresso pervade ogni ambito della nostra vita e dove le persone posso- no raggiungere risultati straordinari in qualunque settore, facendo leva sul binomio vincente tecnologia e creatività.
Eppure, esistono delle sfide su cui dobbiamo ancora impegnarci molto, opportunità da mettere a frutto con più forza: la valorizzazione della diversità nel mondo del lavoro è proprio una di queste.
È sempre più evidente che l’inclusività rappresenta un vero e proprio valore per le aziende. Infatti, un’azienda inclusiva attrae talenti con competenze multidisciplinari e trasversali diversificate, terreno fertile per creatività e innovazione: se non c’è diversity, viene a mancare l’innovazione, motore della crescita, e quindi tutto il Paese perde competitività e opportunità di crescita.
Microsoft sostiene da sempre le persone e le organizzazioni in tutto il mondo nell’essere più efficienti grazie al digitale, consentendo loro di esprimere appieno il proprio potenziale attraverso le nuove tecnologie. Questa visione si riflette anche nella cultura aziendale che ha fatto della Diversity & Inclusion un pilastro fondamentale. Inclusione e rispetto, tutela e valorizzazione della diversità, e quindi anche della comunità LGBTQI+, rappresentano elementi imprescindibili e fondanti della visione di Microsoft, a livello sia globale che locale.
L’azienda è infatti da sempre impegnata a proteggere e valorizzare i diritti di tutt* senza distinzione di genere, etnia, condizione fisica e orientamento sessuale. Per esempio nel 1989, l’orientamento sessuale è stato incluso per la prima volta all’interno delle policy aziendali di non discriminazione, mentre nel 1993 Microsoft è stata la prima azienda al mondo a dare alle coppie dello stesso sesso i medesimi benefici garantiti alle coppie eterosessuali. Negli oltre 120 Paesi in cui opera, Microsoft incoraggia l’adesione alle attività di GLEAM – The Global LGBTQI+ Employees and Allies at Microsoft – una community di dipendenti che si fa portavoce dei diritti LGBTQI+ e che ne promuove la sensibilizzazione sia all’interno sia all’esterno dell’azienda. GLEAM offre supporto ai lavoratori, opportunità di networking, un aiuto alle organizzazioni no-profit presenti nelle diverse comunità locali e porta avanti programmi di education e sensibilizzazione.
GLEAM è attiva anche in Microsoft Italia dove conta un team di oltre 50 persone che, su base volontaria, affiancano alle loro attività lavorative quotidiane anche l’impegno a supporto della comunità LGBTQI+ affinché tutt*, dentro e fuori Microsoft, possano esprimere pienamente ciò che sentono di essere.
Il team italiano porta avanti sia iniziative di formazione interne, rivolte quindi ai colleghi, sia attività e progetti indi- rizzati alla comunità locale, come chiara testimonianza di un impegno che non si esaurisce in azienda. All’interno dell’azienda, Microsoft Italia, oltre a valorizzare tutte le opportunità di training già presenti, ha attivato un’ulteriore serie di momenti di formazione in collaborazione con Parks – Liberi e Uguali, associazione senza scopo di lucro, di cui Microsoft è socia. Parks si propone di aiutare le aziende a garantire pari opportunità e creare un ambiente davvero capace di assicurare a tutt* rispetto, accettazione e una possibilità concreta di realizzare il proprio potenziale di crescita professionale al di là delle differenze.Tutto questo contribuisce a sensibilizzare non solo il top management ma tutt* i dipendenti nei confronti delle tematiche LGBTQI+ oltre a consolidare processi e politiche sempre più inclusive, a partire dall’hiring. L’obiettivo primario è quello di eliminare i cosiddetti BIAS cognitivi ovvero i giudizi – spesso pregiudizi – sviluppati sulla base delle informazioni in proprio possesso. Un’attenzione particolare è riservata in questo senso al linguaggio, affinché sia davvero inclusivo e consenta di mettere a proprio agio le persone. Capita spesso di utilizzare, senza saperlo, parole non adeguate che spingono l’altro a chiudersi. Basti pensare per esempio all’uso corretto dei pronomi personali per rivolgersi alle persone transgender. Ecco, quindi, che le risorse disponibili, anche online, hanno l’obiettivo di migliorare la consapevolezza di sé e dell’altro, per garantire un ambiente di lavoro inclusivo da cui trarre prospettive diverse dalla propria, favorendo la collaborazione e la creatività.
In parallelo, Microsoft Italia collabora ormai da diversi anni anche con Milano Pride con cui programma abitualmente un calendario di appuntamenti per promuovere il dialogo con tutt* i cittadini e sensibilizzarli su queste tematiche. A giugno, in occasione delle celebrazioni dell’orgoglio LGBTQI+, Microsoft si impegna non solo nella partecipazione alla parata, ma organizza e sponsorizza incontri e workshop, spesso in sinergia con altre aziende, con l’obiettivo di diffondere i valori della diversità e dell’inclusione, a sostegno di una maggiore equità sociale. Durante l’emergenza sanitaria ancora in corso, momento storico che ha aggravato in tutto il mondo le disuguaglianze sociali soprattutto per le minoranze, Microsoft Italia ha ulteriormente rafforzato il suo supporto attraverso donazioni a sostegno della ripresa di piccoli esercizi, realtà sociali, operatori economici, assistenza alle persone più anziane o più fragili delle comunità LGBTQI+ messi in difficoltà dalla diffusione del COVID-19.

Lo stesso Pride 2020 è stato celebrato anche da Microsoft in una modalità differente: la partecipazione fisica agli eventi locali è stata infatti sostituita con una campagna globale, in formato digitale, ma non per questo meno effi- cace e di impatto, che ha coinvolto in modo sinergico i dipendenti di tutto il mondo per continuare ad amplificare l’attenzione e alimentare il dibattito sulle tematiche di inclusione e uguaglianza.

Con il claim “The more we talk, the more we understand”, Microsoft si è proposta di incoraggiare le testimonianze rispetto alle tematiche LGBTQI+ al fine di aiutare le persone a esprimere appieno la propria identità all’interno di una comunità davvero inclusiva.
Per manifestare il proprio supporto virtuale durante il Pride Month e in tutti i momenti dell’anno, Microsoft ha messo gratuitamente a disposizione di tutt* sfondi e freebies per trasmettere messaggi di inclusività e supporto; un piccolo grande gesto per partecipare a una sfilata virtuale di colori che duri tutto l’anno e non solo in occasione del Pride.

Spread inclusion all around the globe