CNP VITA – La valorizzazione della diversità attraverso l’engagement e l’innovazione

di Maria Elisa Cesari –

CNP Vita è una Compagnia italiana specializzata nel business dell’assicurazione della vita ed appartenente al primario Gruppo assicurativo francese CNP Assurances. Anche grazie all’impostazione del Gruppo e al deciso commitment di alcuni manager “illuminati”, la Compagnia si è nel tempo distinta per iniziative legate all’attenzione verso i propri dipendenti, lavorando, in particolare, su tematiche legate alla parità di genere ed alla valorizzazione delle diversità. Primo segno tangibile di tale approccio è stata la creazione, nel 2013, di un gruppo di lavoro interno formato da collaboratori (donne e uomini di varie età, provenienza e livello professionale) che volontariamente si sono impegnati – nel proprio tempo libero – per ideare e proporre alla Direzione iniziative a favore dei dipendenti con l’obiettivo di portare alla luce, valorizzare ed includere le differenti diversità presenti in azienda. Il Management, fortemente ingaggiato su tali tematiche anche grazie all’entusiasmo e all’impegno di questo gruppo, ha supportato la realizzazione di molteplici progetti dedicando un budget specifico al tema diversity & inclusion. In tal modo è stato possibile realizzare, in tempi brevi, numerose iniziative. Sono quindi stati organizzati workshop e seminari volti ad incentivare l’empowerment femminile e l’inclusione LGBT, nonché ad approfondire, con tutta la popolazione aziendale, le tematiche legate alla diversità anche attraverso una formazione obbligatoria rivolta a tutti. Il percorso ha portato alla creazione di una Funzione di Corporate Social Responsibility, attualmente integrata all’interno del Dipartimento Risorse Umane & Sostenibilità, con la mission di gestire in modo stabile (e formalmente riconosciuto dall’organizzazione aziendale) le istanze legate all’inclusione e la diversità. In particolare, è stato ritenuto da subito opportuno aderire a realtà associative specializzate al fine di approcciare in modo più consapevole, diversificato e “scientifico” le potenziali problematiche, e individuare le iniziative di supporto o remediation più opportune. Tali adesioni hanno permesso un virtuoso scambio di best practices che tuttora consentono un regolare aggiornamento delle azioni più idonee e all’avanguardia da porre in essere. Riguardo alla parità di genere, grazie alla collaborazione con l’Associazione Valore D, sono stati organizzati specifici percorsi formativi dedicati a collaboratrici di talento per accompagnarle nello sviluppo della carriera; ed esperienze di mentoring cross-aziendale. Questi percorsi nascono per rafforzare l’evoluzione delle carriere talentuose a tutti i livelli, partendo dalle giovani fino a arrivare ai più alti livelli del Management. L’impegno in tale ambito ha condotto ad una rappresentanza femminile pari al 30% nel middle management (Quadri) e nel top management (Dirigenti), nonché una percentuale pari al 45% di donne presenti nel Consiglio di Amministrazione, pur in assenza di specifici obblighi normativi in tal senso. Trovare concrete soluzioni di work life – balance per sostenere la managerialità femminile è stato fondamentale. Si sono attivati Campus estivi per figli/figlie dei dipendenti, servizi di babysitteraggio (anche last minute), servizi di care-giving (grazie all’adesione alla Rete Jointly), contributi per pagamento della retta degli asili nido, smart working per tutti i dipendenti. In merito alla tematica LGBT, l’azienda ha anticipato la legge n. 76 del 2016 in materia di «Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso» riconoscendo, già a partire dal 2013 il congedo matrimoniale per le coppie dello stesso sesso, sposate all’estero. Oggi i contenuti della Legge Cirinnà sono formalmente recepiti nella Policy aziendale, permettendo che tutti i benefit/permessi previsti in capo ai coniugi siano estesi ai/ alle partner, anche dello stesso sesso, all’interno delle coppie legate da unioni civili. Per garantire la parità di trattamento nei confronti dei figli delle coppie same-sex la Compagnia ha inoltre deciso di includere questa casistica nella Policy aziendale, riconoscendo i medesimi diritti e agevolazioni previste per i figli dei dipendenti di coppie eterosessuali. Queste iniziative dimostrano concretamente l’impegno della Compagnia nel rafforzare la cultura dell’inclusione. Ai “genitori sociali” vengono infatti riconosciuti tutti i benefit e permessi concessi ai “genitori naturali” (es. permessi parentali, contributi mensile per l’asilo nido, polizze sanitarie… ). La Compagnia si impegna anche nell’ambito del sostegno dell’occupazione giovanile, organizzando molteplici iniziative formative ed occasioni lavorative per favorire l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, come l’Alternanza Scuola Lavoro e l’opportunità per i figli/e dei Dipendenti di effettuare stage retribuiti in azienda. Inoltre, la stretta collaborazione, che dura ormai da qualche anno con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha consentito l’incontro con giovani talenti grazie ad iniziative fortemente innovative quali ad esempio la creazione di un Digital Lab per il settore assicurativo. Tale iniziativa consiste in un corso formativo promosso in collaborazione con Altis (Alta Scuola Impresa e Società, dell’Università Cattolica) che, nel corso di due edizioni, ha portato in aula dipendenti di CNP Vita, giovani laureandi e laureati di diverse Facoltà toccando: tematiche culturali, tecniche assicurative e di applicazione dei principi di CSR nell’ambito del business aziendale. Le lezioni sono state tenute da manager dell’azienda e da esperti di Altis. L’innovativo mix d’aula e di insegnanti si è rivelato estremamente produttivo e stimolante, permettendo ai partecipanti di condividere le reciproche competenze e realizzando, grazie all’approccio di design thinking, specifici project work volti all’ideazione di nuovi prodotti e di nuove modalità comunicative. Da tale sinergia intergenerazionale è nato un progetto pilota che ha già ricevuto una menzione di merito da AiFin – Associazione Italia Financial Innovation nell’ambito dei CSR-Sustainability Award 2018. Sempre in tale ambito la Compagnia ha avviato collaborazioni con Master post-Universitari (Master in Finanza: strumenti, mercati e sostenibilità; Master in Pianificazione e Controllo presso l’Università Cattolica) accogliendo alcuni studenti presso le proprie strutture aziendali ed offrendo borse di studio agli studenti meritevoli. L’importante percorso intrapreso dalla Compagnia nell’ambito della CSR è stato premiato in occasione de “Le Fonti Awards” di quest’anno, ricevendo CNP Vita un riconoscimento quale “Eccellenza nel settore Banking&Finance, Legal e Innovazione”, per l’impegno speso nell’integrazione delle strategie di CSR nel piano di sviluppo aziendale e la massima attenzione prestata alle esigenze dei principali stakeholder dell’Impresa. La Compagnia crede infatti fermamente che la CSR ed in particolare la valorizzazione delle diversità siano primarie responsabilità aziendali e che tale approccio debba essere sempre più diffuso per permettere una sempre maggiore sensibilizzazione nelle realtà aziendali italiane. Infine, per garantire valorizzazione e benessere di ciascun dipendente la Compagnia ritiene fondamentale impiegare strumenti che permettano un corretto equilibrio tra vita professionale e quella privata. In tal senso, a partire dal 2009 la Compagnia ha promosso forme di telelavoro, (prima azienda nel proprio settore!), che hanno condotto oggi ad estendere il lavoro agile a tutti i dipendenti. È stato anche ritenuto di fondamentale importanza implicarsi direttamente nel “tessuto sociale” attivando iniziative di volontariato d’Impresa e collaborando con Associazioni attive in diversi ambiti, dal sostegno dei giovani nel tempo libero (L’Amico Charly Onlus), all’impiego di tessuti e abiti usati per sostenere progetti umanitari (Humana People to People), coinvolgendo direttamente i dipendenti nelle attività durante l’orario lavorativo. Infine, la Compagnia sostiene il valore del volontariato dedicando un budget specifico alle Associazioni in cui i dipendenti prestano attivamente la propria attività. Concludendo, l’impegno che CNP Vita dedica alle strategie di CSR e di valorizzazione delle diversità nasce da una radicata e condivisa consapevolezza che il successo di una Società deriva anche dal rispetto delle persone e dall’attenzione per il contesto sociale che la circonda; avendo come focus la protezione delle persone questa attenzione si trova nel DNA della Compagnia e non si limita all’attenzione al Cliente, ma è rivolta anche al tessuto sociale circostante e alle persone che vivono l’azienda.

ARTICOLO PUBBLICATO IN DIVERCITY V, DICEMBRE 2019

Spread inclusion all around the globe